Salta al contenuto principale

Aldeno: zucchine "indigeste"

vietata la coltivazione in piazza

e arriva l'avviso di rimozione

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 1 secondo

L’avviso di rimozione è arrivato giovedì. Con tanto di cartello e ultimatum a portarsi vasi e piante a casa entro due giorni per liberare piazza Segantini dalla mini “invasione” verde. Nessuna coltivazione illegale, sia chiaro.

Aldeno non è diventato il nuovo Eldorado della marijuana fai da te. Stiamo parlando di zucchine e pomodori. Salutari, ma a quanto pare “indigesti”, perché posti sul suolo pubblico: dagli uffici del Comune, commissariato dallo scorso novembre, è infatti partita la richiesta di provvedere “cortesemente” alla loro rimozione. Altrimenti lo avrebbe fatto l’amministrazione.

L’autore dell’iniziativa green, il dj e musicista Francesco Carollo, lo stesso che durante il lockdown aveva rallegrato la pizza con alcuni dj set dalla finestra facendo approdare “L’urlo di Aldeno” sulla trasmissione di Radio 2 Caterpillar, non nasconde la sorpresa per il “solerte” intervento del Comune.

«Volevo coinvolgere tutta la piazza attraverso una condivisione di piccole piante da fiore e da frutto che potessero diventare una sorta di partecipazione attiva ed educativa per i bambini, piantando qualche seme di zucchina e pomodoro in 4 vasi - spiega - Il modesto e simbolico raccolto sarebbe stato poi a disposizione di tutta la comunità». Un modo per «valorizzare uno spazio fatto solo di ciottoli e di cemento dove, tra l’altro, non passano né pedoni né veicoli». La risposta dei residenti, assicura, è stata positiva.
Ma il musicista non aveva fatto i conti con le regole. «Certo non avrei mai pensato che il Comune, commissariato dal novembre del 2019, fosse così attento a questa invasione green e l’altro giorno appendesse un cartello ad ogni pianta, con l’obbligo di rimuoverle entro 48 ore. A questo punto - osserva - mi chiedo se le immondizie abbandonate costantemente nei parchi, nei boschi e sulle strade, il parco giochi della stessa piazza ancora transennato causa lockdown, le ciclabili inesistenti, insieme a tante altre problematiche, non siano più importanti di fronte a 4 vasi che, fino a prova contraria, non davano fastidio a nessuno e che volevano avere uno scopo sia educativo che partecipativo. Ma da buon cittadino - assicura - capisco anche che, in sostanza, ho occupato abusivamente 170 centimetri quadrati di cemento con zucchine e pomodori che, tra l’altro, stavano già distribuendo frutti alla comunità. Una colpa imperdonabile, lo riconosco».

Carollo, nel frattempo, ha riportato i vasi a casa sua, ma non abbandona il suo progetto verde.

«Lunedì farò una richiesta scritta alla commissaria di Aldeno Paola Matonti per occupare legalmente lo spazio con piante ornamentali e da frutto convinto che, in questo caso, la ragionevolezza della stessa commissaria prevalga sulla fredda burocrazia e le azioni che valorizzano gli spazi e le persone, siano considerate, anche simbolicamente, come la vera rivoluzione verso un nuovo approccio verde in questo pianeta privo di ossigeno».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy