Salta al contenuto principale

Bonus vacanze provinciale

Saranno i clienti a presentare

la domanda nel portale Web

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

Un contributo di 50 euro a persona per un soggiorno di almeno 3 notti, cifra che arriva a 100 euro a persona per 7 notti. Lo ha previsto la Giunta provinciale di Trento per i residenti in Trentino che dal 1 luglio vorranno soggiornare in una qualsiasi struttura ricettiva locale. La novità, rispetto al bonus nazionale - si legge in una nota - è che sarà il cliente a dover richiedere il rimborso del bonus alla Provincia, facendo la domanda su un portale che sarà appositamente realizzato.

«Abbiamo voluto semplificare al massimo la procedura per questo incentivo alla vacanza in Trentino da parte dei trentini.
A differenza della misura nazionale vogliamo evitare che siano le strutture ricettive ad anticipare l’incentivo, essendo molte di queste già in difficoltà per quanto riguarda la liquidità. Ma non solo, abbiamo anche tolto vincoli come quelli reddituali, non saranno necessari l’ISEE o altri requisiti per accedere al bonus», commenta l’assessore Roberto Failoni nella nota.

Sarà necessario conservare il documento attestante il pernottamento - fattura elettronica o ricevuta con codice fiscale intestate alla persona fisica capofamiglia/capogruppo - in attesa di procedere alla domanda di rimborso alla Provincia autonoma di Trento e sottoscrivere un’autodichiarazione.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy