Salta al contenuto principale

Il maltempo del weekend

spiegato dal CNR: un violento

scontro fra temperature estreme

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 50 secondi

Quella che doveva essere una classica rottura del tempo, tra la fine di agosto e i primi di settembre, si è trasformata in un evento eccezionale con lo scontro tra temperature estreme che ha portato alla forte ondata di maltempo di questi giorni sul Nord Italia, facendo registratare anche vittime.

A spiegare l'evento climatico che ha diviso l'Italia in due, con picchi fino a 40 gradi al Sud e il Nord sconvolto da violenti nubifragi, grandinate e vento, è il direttore del Consorzio Lamma-Cnr di Firenze, Bernardo Gozzini. "La rottura del tempo in questo periodo - spiega all'ANSA Gozzini - non è un evento eccezionale". Ciò che è eccezionale, sottolinea l'esperto, "è l'aumento della differenza di temperatura tra la massa d'aria fresca in quota e l'aria calda presente sull'Italia. Questo aumento di divario termico porta ad un aumento dell'energia che è nel sistema e che si sprigiona come abbiamo visto con trombe d'aria, colpi di vento forti ed intensi, precipitazioni violente e cospicue. Vi è quindi un aumento della intensità degli eventi estremi". 

 
 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy