Salta al contenuto principale

Precipita 300 metri e muore

alpinista di Samone di 56 anni

deceduto in Valtellina

Chiudi
Apri

Consorzio Turistico Valmalenco

Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

A ssieme a due amici aveva scelto la Valtellina per una scalata sulla via Corda Molla, la più bella cresta del Monte Disgrazia tra Valmalenco e Buglio, il cui picco arriva a quota 3.678 metri. Ma per Danilo Mengarda, 56enne di Samone, l'escursione si è trasformata in tragedia: è precipitato per trecento metri davanti agli occhi degli amici, che non hanno potuto fare nulla se non allertare i soccorsi. Per Mengarda, però, non c'era più nulla da fare, mentre i due sono stati recuperati illesi.

Grande appassionato di montagna, Mengarda era un alpinista esperto ed allenato. La ciordata è stata raggiunta dal Soccorso Alpino, che ha recuperato la salma per trasportarla alla camera ardente di Valmalenco: purtroppo non c'era nulla da fare e Mengarda era morto sul colpo. 

In attesa del nullaosta dell'autorità giudiziaria, il trasferimento della salma a Samone è atteso per la giornata di oggi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy