Salta al contenuto principale

Continuano anche in Trentino le ricerche

dei coniugi bolzanini scomparsi

verifiche su abiti recuperati nell'Adige

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 8 secondi

I militari dei Comandi provinciali carabinieri di Bolzano e Trento hanno continuato anche ieri le ricerche dei coniugi bolzanini scomparsi che però non hanno dato alcun esito.

Negli ultimi due giorni, e soprattutto oggi, sono stati trovati moltissimi indumenti, scarpe, borse, giacche, un guanto spaiato e un cappuccio senza giacca lungo l’Adige.

Tutti gli elementi prima di essere mostrati ai famigliari devono essere lasciati asciugare.

Anche ieri le ricerche sono state prevalentemente concentrate nei circa ottanta chilometri che separano ponte Resia dalla diga di Mori. Oggi è stato il giorno in cui sono state impiegate più persone nelle operazioni. Tutti i reparti dei vigili del fuoco con competenza sul fiume sono intervenuti sia lungo le rive, sia in acqua con l’impiego di decine di gommoni.

Sono stati utilizzati anche i gommoni dei reparti volontari (Freiwilligen Feuerwehren Südtirols) con competenza sui laghi.

Lungo diverse tratte di fiume anche ieri hanno operato i cani «molecolari» provenienti da Lugano (Svizzera) con i rispettivi conduttori dell’associazione Detection Dogs Ticino.

Inoltre hanno partecipato diverse unità cinofile della Guardia di Finanza di Bolzano e l’elicottero del 3° Nucleo elicotteri Carabinieri di Bolzano.

Nei prossimi giorni e settimane i due equipaggi del 3° Nucleo CC e della Sezione aerea della Guardia di Finanza di Bolzano continueranno quotidianamente a sorvolare l’Adige nella speranza di vedere affiorare qualcosa, si legge in una nota dei carabinieri.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy