Salta al contenuto principale

L'arcivescovo Tisi: «La morte

per freddo di Mustapha

è una sconfitta per tutti»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

«La morte a causa del freddo di Mustapha, persona senza dimora, è una sconfitta per tutti e interroga per prima la Chiesa. Ci conferma che non basta organizzare servizi, pur fondamentali. Serve sempre uno sguardo umile e pieno di umanità, l’unico in grado di svelare la povertà più nascosta».

Lo ha detto questa mattina l’arcivescovo di Trento Lauro Tisi commentando la notizia del decesso a Rovereto di un senza dimora, in passato ospite delle strutture di accoglienza Caritas.

Tisi è intervenuto sulla vicenda a margine del videomessaggio destinato ai giornalisti in occasione della festa del loro patrono San Francesco di Sales (domani, 24 gennaio): «Abitate le parole e state aderenti al dato di realtà. Da artigiani della comunione e dell’incontro date voce ai volti sofferenti di quest’ora», afferma l’arcivescovo, esprimendo anche solidarietà ai giornalisti del quotidiano Trentino, chiuso pochi giorni fa.

Mustapha, migrante di origine marocchine, 57 anni, è morto a causa del freddo, mentre dormiva in un capannone industriale abbandonato, l'ex macello (foto), a Mori.

La salma è stata rinvenuta alcuni giorni fa, ma solo ieri è stata confermata la causa del decesso.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy