Salta al contenuto principale

Torna la "banda dei garage"

Otto box svaligiati nella notte

Villamontagna, nel mirino le e-bike

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

Non c'è pace per la collina est della città: alle 3 di venerdì notte i ladri sono entrati in azione a Villamontagna. Ancora una volta sono stati presi di mira i garage. L'allarme è stato dato dai residenti, svegliati da rumori anomali. 

I malviventi, attrezzati con piede di porco, trapano, lime e grimaldelli vari, hanno colpito nei box auto dei condomìni tra via per Campel e via dei Pradestei, portando via diversi oggetti, in particolare alcune bici elettriche.

Possibile che i ladri fossero al corrente che in alcuni garage avrebbero trovato le costose due ruote.

Hanno agito nonostante la presenza delle telecamere di videosorveglianza. Una di queste ha registrato il passaggio di un ladro, alto e magro, in un vialetto privato; in mano lo sconosciuto aveva una torcia con cui - passo dopo passo - controllava l'interno delle auto in sosta. Ma i furti non sono avvenuti in strada, bensì nel tunnel dei garage. Almeno 8 quelli aperti dai malviventi con una tecnica ben precisa, ossia facendo un buco vicino alla serratura del basculante. La tecnica utilizzata anche per svaligiare i garage a Montevaccino, nel raid avvenuto nella notte tra sabato e domenica scorsi.

Se a Villamontagna i ladri avrebbero portato via "solo" costose e-bike (ma le denunce presentate alle forze dell'ordine non sono ancora complete), a Montevaccino oltre a sette bici elettriche la banda aveva portato via anche una Fiat Panda 4x4, prendendosi il tempo di colpire in almeno una ventina tra cantine e garage. 

Il raid di ieri notte invece sarebbe stato interrotto a metà, grazie all'allarme dato dai residenti e all'arrivo a Villamontagna della polizia. 

Sui due colpi sono in corso indagini da parte di questura e carabinieri. Ad aiutare gli investigatori ci sono le telecamere di sorveglianza, sia quelle private chequelle installate sulla pubblica via, ma ancor più importante potranno essere eventuali testimonianze dei residenti. Qualcuno potrebbe infatti ricordarsi di auto sospette o di volti sconosciuti incrociati nei giorni precedenti ai furti: quasi certamente i ladri hanno effettuato almeno un sopralluogo in zona per predisporre meglio il piano.

[Nella foto TgrRai uno dei ladri ripreso dalal videosorveglianza]

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy