Salta al contenuto principale

Baggio contro gli animalisti

Citati per diffamazione

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

Roberto Baggio contro gli animalisti, per le offese dell'associazione "100% Animalisti" alla sua passione di cacciatore. Ieri si è aperta a Padova, ma è stata subito rinviata a giugno, l'udienza del processo per diffamazione intentato dal "Divin codino" nei confronti del leader dell'associazione protezionistica, Paolo Mocavero.

Baggio si è presentato in Tribunale a Padova per difendere le sue ragioni, ma il giudice monocratico, constatando la mancata notifica all'imputato del decreto di citazione a giudizio (l'accusa è diffamazione a mezzo internet), ha rinviato l'udienza al 18 giugno 2018. Mocavero non era presente in aula. L'ex fuoriclasse era stato preso di mira dai "100% Animalisti" per le sue posizioni a favore della caccia. I componenti del gruppo l'avevano contestato esponendo anche striscioni offensivi davanti alla sua villa di Caldogno (Vicenza), e poi avevano rincarato la dose con pesanti post in rete. 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy