Salta al contenuto principale

Elezioni, la carica degli «ex»

da Franco Tretter alla Dominici

con Bezzi, Panizza e Gubert

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 19 secondi

Stanchi di essere ai margini della vita politica. Convinti che la propria esperienza possa fare la differenza in termini di voti nell’era dei “Mi piace” e dei tweet.

Resi di nuovo protagonisti da partiti che, pur di vincere le elezioni, non si fanno problemi a puntare su di loro e su consiglieri provinciali o deputati che in caso di successo lascerebbero subito ad altri il posto nei Comuni. Parliamo degli ex parlamentari ed ex consiglieri provinciali che hanno deciso di candidarsi alle prossime amministrative. Chi come sindaco, ad esempio Franco Panizza a Campodenno, oppure all’interno di una lista. Con la speranza di diventare magari assessore. Non si sentono dei riciclati e respingono l’accusa di voler fare ombra ai giovani.

Clamoroso il ritorno sulle scene dell’ex presidente del Patt e del Consiglio regionale Franco Tretter, 76 anni. Lo farà a Riva del Garda con la lista civica “Ninfea”. «Scendo in campo - queste le sue parole - per il contrasto alle nuove povertà e per un debito di riconoscenza che ho con la città mi ha ospitato». La politica locale, sostiene Tretter, ha bisogno di gente come lui: «I giovani devono imparare da chi, come il sottoscritto, ha avuto altre esperienze in ambito istituzionale. Purtroppo tra gli aspiranti nuovi amministratori sono in pochi ad avere la preparazione giusta per governare anche solo un piccolo Comune».
Si gioca infine un jolly - siamo pur sempre in campagna elettorale -: devolverà in beneficenza il compenso da consigliere comunale o da assessore.

«Non rubo il posto a nessuno» taglia corto l’autonomista nonesa Caterina Dominici, 74 anni, tre legislature in Provincia alle spalle, una delle 14 donne presenti nelle file di Agire. La lista appoggia la candidatura a sindaco di Marcello Carli. «Ho detto sì - prosegue l’ex preside del Liceo scientifico Leonardo da Vinci - solo dopo un corteggiamento di Claudio Cia durato 3 mesi. Personalmente me ne sarei rimasta a casa a scrivere libri. Ho ceduto perché mi è tornata la voglia di aiutare i ragazzi ad entrare nel mondo politico per incidere davvero». Dominici sa che i “vecchi” politici che vogliono tornare in auge fanno discutere: «Era uno dei motivi che mi spingeva a stare fuori. Adesso però ci sono e me la giocherò fino in fondo».

Deputato del Ppi dal 1994 al 1996 e senatore del Pdl dal 1996 al 2001, Renzo Gubert, 74 anni, è uno dei personaggi di punta della lista Udc-Dc che a Trento sostiene Marcello Carli. «Come presidente nazionale della Dc non potevo non metterci la faccia e sacrificarmi. Il progetto è quello di rafforzare il partito in tutta Italia. C’è bisogno di noi “esperti” in un momento in cui la politica è scaduta e il dibattito, con ciò di negativo che ne consegue, avviene in Rete». Ha uno scatto d’orgoglio: «Già in passato mi sono sentito bollare come un qualcosa di vecchio. Sono considerazioni che non mi toccano».

A Ossana la sfida elettorale vedrà tra i protagonisti, in qualità di candidato sindaco, Giacomo Bezzi, 57 anni, già primo cittadino del Comune per anni, consigliere provinciale e deputato. In Val di Non, a Campodenno, proverà a diventare primo cittadino Franco Panizza, 60 anni, tre legislature in Provincia e una in Senato. «Sono sempre stato legato alla mia terra - spiega - e a lei devo tanto. Da assessore e da parlamentare non mi sono mai dimenticato del mio paese, adesso ho l’opportunità di fare ancora di più. I giovani li abbiamo cercati, ma non è facile trovarne uno che accetti di candidarsi a sindaco». Consigliere provinciale per due legislature, Roberto Franceschini, 66 anni, si candida a sindaco per il Comune Vallelaghi.

Beppe Detomas, 58 anni, ex parlamentare ed assessore regionale, in Val di Fassa mira al ruolo di Procurador. A Trento, spulciando tra le liste si trova un’altra vecchia conoscenza: Giorgio Manuali, 77 anni, storico capogruppo in Comune di FI e ora in Fratelli d’Italia. Per altri grandi ex le occasioni per avere visibilità (e soldi) non mancano: ne sa qualcosa Mario Malossini, 73 anni, da poco vicepresidente dell’Aeroporto Catullo.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy