Salta al contenuto principale

Consiglio Provinciale:

due positivi, ma la sedute

continuano «in presenza»

Chiudi

Walter Kaswalder

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 1 secondo

Il Consiglio provinciale di Trento si riunirà in presenza dal 3 al 5 novembre. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo.

Circa l’adeguamento tecnologico dell’aula consiliare per consentire a uno o più consiglieri di collegarsi da remoto, come richiesto dal consigliere Paolo Ghezzi, Il presidente Walter Kaswalder ha spiegato che «si attende l’implementazione tecnologica a palazzo della Regione, nel frattempo - per situazioni emergenziali - c’è sempre a disposizione l’opzione della seduta totalmente on line».

Il problema è dovuto al fatto che due consiglieri provinciali (Luca Zeni e Sara Ferrari del PD) sono risultati neu giorni scorsi positivi al Covid, e si sono posti in isolamento domiciliare fiduciario.

Nella prossima seduta del Consiglio, dopo il question time, si ritenterà l’elezione suppletiva del vice presidente, dopo le dimissioni di Alessandro Olivi. A seguire, designazione di 3 membri della sottocommissione elettorale di Tione, quindi la risoluzione della V Commissione dedicata al programma di lavoro 2020 della Commissione Ue.

Da ultimo, pacchetto di 14 mozioni e di 17 interrogazioni tra quelle rimaste ancora senza risposta.

L’esame consiliare della prossima manovra di bilancio preventivo 2021 della Provincia inizierà il 2 novembre con la relazione del presidente Fugatti in prima commissione. L’aula consiliare si riunirà nelle giornate dell’11- 14-15-16-17 dicembre.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy