Salta al contenuto principale

Berrettini sorpresa negli Usa

oggi sfida con Rafa Nadal

«Sono come il fim Django»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 50 secondi

Spossato, stravolto ma anche «tanto felice». Quattro anni dopo l’exploit di Flavia Pennetta, dal cemento di Flushing Meadows spunta un altro eroe azzurro, Matteo Berrettini, capace di far tornare l’Italia del tennis indietro di 42 anni, ai tempi gloriosi di Barazzutti, l’ultimo alfiere italiano ad arrivare così lontano da queste latitudini. Per spiegare come è arrivato alla storica semifinale a New York alla sua seconda partecipazione, il 23enne romano - che oggi in semifinale troverà sulla sua strada Rafa Nadal - si affida alla metafora cinematografica, visto anche il finale thrilling del combattutissimo quinto set contro Gael Moinfils.

«Se il match contro il francese fosse un film, sarebbe “Django” di Quentin Tarantino - ha detto la grande sorpresa degli US Open in conferenza stampa - Mi ricordo di un gran bagno di sangue dove alla fine rimaneva in vita solamente una persona.
Un pò come questo match».

Il 23enne romano, alla prima semifinale Slam della carriera e che ha già portato a casa le vittorie a Budapest e Stoccarda quest’anno, è davvero stanco dopo la maratona di 4 ore contro il francese: «Di solito faccio molta fatica in questi match - ha spiegato -. Sono rientrato nel pomeriggio e l’umidità era altissima. Ero sudatissimo, ho dovuto cambiare anche le scarpe. Però 5 set ti aiutano ad abituarti al caldo, ai rumori agli schermi. Sono sempre rimasto molto concentrato, ho fatto attenzione solamente alle cose importanti».

L’inizio del match, con quel 6-3 preso in poco tempo, ha ricordato a molti l’avvio della batosta di Wimbledon contro Federer: «Avevo mille pensieri in testa: dove gioco, dove servo, lui che movimenti fa - ha detto -. Allora ho chiesto aiuto al mio istinto e da lì tutto è cambiato. Poi mi sono anche ricordato che quando metto peso sulla palla l’avversario lo sente. Il risultato è stato straordinario. Sono arrivato a New York in condizioni fisiche e di fiducia non ottimali. Mi sono detto di andare avanti come ho sempre fatto e adesso sto vivendo questo sogno e non voglio fermarmi».

Tra lui e la storica finale c’è di mezzo Rafa Nadal, n.2 del mondo e tra i più grandi di sempre come ricordano le sue 18 vittorie negli Slam, e che il 23enne tennista romano non ha mai incrociato in carriera. «Sono veramente contento di quanto fatto finora ma non mi posso fermare, non è concepibile come idea - ha spiegato Berrettini a “SuperTennis” - Sono molto ambizioso, sto già pensando al match di venerdì. Mi sento molto felice, vedo le persone attorno a me che sorridono, che sono fiere, che tutto il lavoro che stiamo facendo sta dando i suoi frutti, che le persone dall’Italia mi seguono fino alle 2 di mattina, mi scrivono, mi chiamano. Questa è la cosa bella, godere delle emozioni con gli altri. Non posso rispondere a tutti e dico solo grazie».

E anche Rafa Nadal sa che oggi non c’è un destino già scritto contro un Berrettini “caricato” a mille: «Lui sta avendo un grande anno - riconosce il maiorchino - è in semifinale dopo aver vinto tanti buoni match. E comunque, in una semifinale di Slam non puoi aspettarti un avversario facile, nè puoi aspettarti un match facile. Matteo sta facendo molti progressi - ha aggiunto il n.2 del mondo dopo il quarto vinto contro l’argentino Schwartzman - picchia forte, l’ho visto giocare anche contro Monfils. È bravo, è in fiducia e sarà una grande sfida».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy