Salta al contenuto principale

Messina: «Siamo davanti al virus,

ma la partita non è ancora finita»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

«In questi giorni complicati è stato molto bello vedere che non solo la comunità del basket, ma tutti ci siamo fatti forza e ci siamo avvicinati. E soprattutto vedere come persone fantastiche, negli ospedali, nei supermercati e nei corpi di polizia ci hanno aiutato e come il sacrificio di molti di loro ha permesso a una moltitudine di persone di salvarsi la vita».

Comincia così il video su Faceboook con cui l’ex ct azzurro Ettore Messina, attuale coach dell’Armani A/X Milano, lancia un appello affinché le persone continuino a rispettare le regole per uscire dalla pandemia.

«Io ho avuto la fortuna di ricevere messaggi dagli Usa - racconta il coach dell’Armani, ex assistente dei LA Lakers e dei San Antonio Spurs -, dove ho vissuto negli ultimi anni, e da tanti paesi e amici incontrati in trenta anni di carriera, fino all’Australia. In  tutto il mondo ci siamo scritti e parlati, e adesso, piano piano, cominciamo a vedere i frutti della pazienza, dell’autodisciplina e della capacità di rispettare le regole che quasi tutti hanno messo in campo».

«Però - secondo Messina - è come quando in partita metti la testa avanti dopo essere stato sotto per un bel po’. È la prima volta che vediamo la possibilità concreta di farcela, e quindi ancora di più dobbiamo avere la disciplina di non pensare che la partita sia già vinta, dobbiamo avere pazienza, giocare con la stessa durezza, e non lasciarci andare a facili festeggiamenti prima che sia il momento giusto: se molliamo in questo momento rischiamo di non poter festeggiare e ricomplicare la situazione e pagarne duramente il prezzo nei prossimi mesi».

La conclusione dell’appello del guru del basket italiano è che «abbiamo fatto gran parte del lavoro, siamo vicini a farcela, dobbiamo stringere i denti per rispetto a chi ha dato tantissimo, a chi ha sacrificato perfino la vita e per rispetto di coloro che abbiamo visto non farcela. Quindi dobbiamo costringerci a rispettare ancor di più le regole, senza avere fretta, e se non l’avremo torneremo a una vita che sarà diversa ma sicuramente molto più piacevole da vivere insieme».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy