Salta al contenuto principale

Milan umiliato a Bergamo

"Manita" dell'Atalanta

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Il Milan non poteva chiudere l’anno nel modo peggiore, l’Atalanta reagisce alla sconfitta di Bologna e ora può sognare in grande. A dieci mesi da quel 3-1 inflitto dai rossoneri in rimonta con doppietta di Piatek, la squadra di Gasperini stavolta fa sua la lezione del febbraio scorso, non abbassa mai la guardia e umilia i milanisti con un pesantissimo 5-0. Senza l’attaccante polacco per più di un’ora di gioco (lasciato in panchina a favore di uno spento Rafael Leao), il Milan di Pioli rimedia una sconfitta che preoccupa non solo per il modo in cui è maturata ma anche per una posizione di classifica sempre più distante anche dal sesto posto occupato dal Cagliari a quota ventinove punti, otto in più dei rossoneri. I numeri della partita recitano infatti un dominio bergamasco su tutta la linea con quasi il 60% del possesso palla a favore e undici tiri in porta contro l’unico dei rossoneri arrivato solo all’89.

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini sv; Toloi 7, Palomino 7, Djimsiti 6.5; Castagne 6.5, de Roon 6.5, Pasalic 7, Gosens 8 (43’st Hateboer sv); Malinovskyi 7; Gomez 7.5 (43’ st Freuler sv), Ilicic 8 (35’st Muriel 7).
In panchina: Rossi, Sportiello, Masiello, Ibanez, Barrow.
Allenatore: Gasperini 7.5.
MILAN (4-3-3): G. Donnarumma 5; Conti 4.5, Musacchio 4, Romagnoli 5, Rodriguez 5.5 (1’st Calabria 5); Kessiè 4, Bennacer 5, Bonaventura 5 (16’st Piatek 5); Suso 5 (39’st Castillejo sv), Leao 5, Calhanoglu 5.
In panchina: Reina, A. Donnarumma, Borini, Rebic, Biglia, Caldara, Krunic, Gabbia, Brescianini.
Allenatore: Pioli 5.
ARBITRO: La Penna di Roma 6.
RETI: 10’pt Gomez; 16’st Pasalic, 18’st Ilicic, 27’st Ilicic, 39’st Muriel.
NOTE: serata serena, terreno in buone condizioni.
Ammoniti: Musacchio, Suso, Castagne, de Roon, Romagnoli, Kessiè.
Angoli: 5-0 per l’Atalanta. Recupero: 1’; 1’.



Puntale il commento social di Matteo Salvini: «Il Milan di oggi come il governo PD-5Stelle: senza idee, senza cuore, senza dignità. In Parlamento indegni dell’Italia, a Milanello indegni della maglia».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy