Salta al contenuto principale

Roma ko e Juventus

campione d'inverno

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 50 secondi

Per la 31ª volta nella sua storia la Juventus è campione d'inverno, un buon viatico in vista del traguardo del 24 maggio, visto che essere primi a metà campionato non è garanzia di vittoria finale, ma certo i precedenti dicono che chi comincia davanti il girone di ritorno ha buone possibilità di conquistare lo scudetto: dall'introduzione dei tre punti (1995-1996) solo 7 volte su 25 non è accaduto. I bianconeri ci riescono sbancando l'Olimpico di Roma e battendo 2-1 una Roma distratta per un tempo e anche sfortunata (brutto infortunio a Zaniolo , in foto , uscito in lacrime e in barella alla mezz'ora, probabile rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro). Si decide tutto nel giro di 7 minuti (al 3' e al 10') con Demiral e Ronaldo che indirizzano subito il match e anche la classifica di metà campionato. Non basta ai giallorossi la reazione nella ripresa che porta solo al gol del 2-1 su rigore di Perotti, a un palo con Dzeko e a 13 corner a 2.

La squadra di Sarri replica solo in parte la bella prova di inizio anno contro il Cagliari e impiega poco per sorprendere una Roma distratta ogni oltre lecito: prima Kolarov si fa bruciare da Demiral (che uscirà poco dopo per infortunio) poi è il turno di Veretout perdere una palla velenosa davanti all'area: inevitabile il fallo su Dybala e il rigore che CR7 non sbaglia. A complicare una già situazione difficile in casa giallorossa ecco al 30' anche il brutto infortunio a Zaniolo che tolgono alla Roma l'unico giocatore che sembrava in serata. Per la ritrovata Juve post-Supercoppa i numeri dicono due vittorie e sei gol fatti, anche se la prestazione dell'Olimpico non è esente da qualche qualche pecca con un secondo tempo sotto tono anche per merito dei giallorossi.

Nel pomeriggio successo sofferto del Toro su un Bologna ben messo in campo. I granata passano presto con Berenguer, hanno qualche possibilità ma Verdi è sfortunato perché una sua conclusione colpisce il palo (poi si innervosisce e non gradisce al sostituzione). Gradatamente però il Bologna prende campo, Orsolini crea grattacapi sulla destra, la difesa granata ha qualche imprecisione ma Palacio non ne approfitta e si divora un paio di gol. Per Il Toro sono tre punti preziosi.
Boccata d'ossigeno per la Fiorentina, ma quanta sofferenza per battere il fanalino di coda Spal. I viola spingono, Chiesa spreca un'opportunità ma le occasioni migliori le crea la Spal: prima un palo poi un cucchiaio di Valoti che finisce di poco fuori. E il calcio non perdona lo spreco: su azione in mischia alla fine Pezzella di testa trova un successo di grande importanza. È il primo successo di Iachini, la prima vittoria dopo il 30 ottobre. La situazione è ancora difficile, ma la zona salvezza si allontana. 

L'Udinese sembra rinata nell'ultimo mese. Dopo Cagliari e Lecce arriva la terza vittoria di fila, che la proietta in una zona di sufficiente tranquillità, a spese di un Sassuolo in crisi neri. È il terzo ko di fila e la panchina di De Zerbi è meno stabile.
All'inferno e ritorno il tragitto della Samp che parte ad handicap in casa col Brescia che passa con Chancellor. Ma Ranieri è riuscito a dare un'identità alla squadra che con calma recupera per poi dilagare. Prima Linetty e poi Jankto e infine il ritrovato Quagliarella che trova, dopo un digiuno a Marassi di 8 mesi, il gol sul rigore che lo sblocca. Il Brescia va in confusione e i doriani segnano ancora con Caprari e Quagliarella.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy