Salta al contenuto principale

Dorothea: «Se vinco il Mondiale

rinuncio al cioccolato»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 58 secondi

«Se vinco il Mondiale ad Anterselva rinuncio al cioccolato per un mese. Ma non di più, è troppo buono». È il fioretto scelto da Dorothea Wierer, in vista dalla rassegna iridata in programma dal 13 al 23 febbraio ad Anterselva.

«Correre in casa - spiega l’altoatesina Wierer, durante un evento organizzato da RedBull a Milano - mette tanta pressione ma è sempre speciale, un’emozione unica, ti conoscono tutti e tutti fanno il tifo per te. La concorrenza è agguerrita ma sto bene».

Wierer, detentrice della Coppa del Mondo e oro iridato a Ostersund nella partenza in linea, è già salita sul gradino più alto del podio nel tempio del biathlon un anno fa, in quella che viene definita senza dubbio «la vittoria più bella»: «Ho bisogno di adrenalina per fare sempre meglio, quest’anno ho raggiunto le 1000 ore di allenamento, 700 per il fondo e 300 per il poligono, e sparato oltre 20mila colpi. Il biathlon è uno sport complesso che unisce due discipline opposte: sugli sci devo ascoltare il mio corpo per sapere quando scattare e quando recuperare, al tiro invece devo pensare il meno possibile perché è un automatismo».

GUARDA LA FOTOGALLERY DELLA CAMPIONESSA

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy