Salta al contenuto principale

Quando l'autonomia
gioca col fuoco

L'editoriale del Direttore

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 31 secondi

Le fughe in avanti, gli strappi, le marce indietro, i tentennamenti e le varie ordinanze (non esattamente la fotografia di un'autonomia con le idee chiare) colpiscono. Ma sorprende soprattutto una cosa: ancora una volta Trento e Bolzano hanno perso un'occasione preziosa per muoversi insieme. Se i due territori si fossero mossi all'unisono, magari strizzando prima l'occhio al presidente Conte e al ministro Boccia, si sarebbe potuta rilanciare l'idea di un luogo capace di farsi laboratorio, sperimentando in questa terra ciò che in altre zone, per diverse ragioni, non è praticabile. Insieme, il Trentino e l'Alto Adige avrebbero potuto cercare di dimostrare che non sono i ristoranti aperti (in sicurezza, con controlli veri) a far esplodere i contagi. O avrebbero potuto dire che non è l'assembramento d'idee, di sogni e di fantasia che passa dai teatri e dai cinema (non meno vuoti dei ristoranti) a dover preoccupare.
Una regione di un milione di abitanti può fare tante cose, a cominciare dal far sentire il proprio peso in Parlamento: in certe circostanze, una delegazione che si muove compatta può trattare meglio. Può persino barattare - come s'è sempre fatto - sostegni in cambio di mancati ricorsi. Il presidente Fugatti e il presidente Kompatscher sapevano infatti fin dall'inizio che le loro ordinanze avrebbero avuto vita breve, ma se il governo avesse aspettato un po' a far la voce grossa, ad esempio, si sarebbe magari potuto dimostrare come certe aperture non influenzino certi dati. Già, i dati: con tutti questi contagi (benché in Trentino le cose stiano andando molto meglio rispetto a ciò che accade in Alto Adige) l'autonomia non può permettersi fughe in avanti. Ci sono campi minati che - soprattutto in assenza di accordi precisi - si dovrebbero evitare: non è infatti sui terreni scivolosi e impopolari che si possono rivendicare le prerogative di una terra a statuto speciale. E perseverare è ancor più insidioso quando le stesse categorie che si vogliono vezzeggiare iniziano a preoccuparsi e a frenare. I ristoranti e i bar sono già drammaticamente vuoti. E l'idea che la sfida al governo (perché come tale viene vissuta a Roma) possa anche solo mettere in discussione i "ristori" promessi da Palazzo Chigi - ristori, sia detto, che sono tali solo se arrivano e non certo se vengono promessi - dovrebbe bastare, da sola, come alla fine ha ben capito anche Kompatscher, a convincere anche Fugatti a "ritirarsi". A volte bisogna saper perdere. Saper tornare sui propri passi. Possibilmente - in questo caso lo ricordo soprattutto a Kompatscher - prendendo atto di far parte di un Paese che sta cercando in tutti i modi di sconfiggere la pandemia e non richiamandosi a una Germania e un'Austria che in fondo hanno cercato di copiare proprio l'Italia, in questi drammatici mesi. In certi momenti non è possibile tenere il piede in due o tre scarpe. L'autonomia non si difende con arroganza, ma fermandosi a uno stop per poi cercare di ripartire a gran velocità. Con il resto del Paese. Non - perché è questa l'impressione data - contro il resto del Paese.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy