Salta al contenuto principale

Da domenica supermarket aperti

i sindacati non ci stanno:

«stop almeno fino a novembre»

Vota il nostro sondaggio: chi ha ragione?

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

Per tutta l’emergenza Covid, i supermercati sono stati obbligati alla chiusura domenicale, ma già dalla prossima festività possono riaprire (salvo nuova ordinanza provinciale). E i sindacati rilanciano: stop alle aperture domenicali fino al 30 novembre.

Cgil, Cisle e Uil chiedono subito un tavolo per cambiare le regole in modo condiviso. «I lavoratori e le lavoratrici del commercio ci hanno sperato fino alle fine, ma poi sono rimasti delusi. Da domenica prossima i supermercati saranno nuovamente aperti sette giorni su sette. Ci saremmo aspettati maggiore coerenza dalla giunta provinciale e dal presidente Fugatti – dicono i tre segretari provinciali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, Paola Bassetti, Lamberto Avanzo e Walter Largher – invece i buoni propositi non sono stati seguiti dai fatti».

Con la scadenza dell’ordinanza presidenziale, che di fatto, aveva imposto di tenere abbassate le serrande dei negozi per tutto il lockdown e per la fase 2, si torna alle vecchie regole. Regole che, per i sindacati, vanno cambiate come continuano a dire da tempo. «Abbiamo sperimentato che si può tenere chiuso la domenica. I cittadini si abituano a nuove modalità di consumo, più rispettose anche della vita dei lavoratori – proseguono -. Non capiamo perché la giunta è così timida su questo fronte. Si sfrutti questa circostanza per arrivare ad una proposta coraggiosa da sottoporre al consiglio provinciale».

Filcams, Fisascat e Uiltucs chiedono l’apertura immediata di un tavolo di confronto per ragionare sulle aperture festive e domenicali. E intanto si proroghi fino al 30 novembre la chiusura, ad eccezione delle zone turistiche dove serve un ragionamento specifico. «Siamo disposti a ragionare e a confrontarci, l’Esecutivo però deve aprire un confronto e dimostrare di voler incidere sul cambiamento. Intanto al di là delle affermazioni in conferenza stampa registriamo solo un assordante silenzio. Nessuna risposta alle nostre richieste», dicono.

E oltre al danno c’è anche il rischio della beffa per commessi e cassieri. «Alla fine si torna alle aperture domenicali dei punti vendita, ma i lavoratori si devono fare carico anche delle estensioni degli orari che sono state messe in atto già da diversi marchi della grande distribuzione. Quindi dopo i sacrifici fatti in questi mesi le loro condizioni di lavoro peggiorano. Non è giusto. Il presidente Fugatti non abbandoni i lavoratori e dimostri coraggio e determinazione», concludono.

VOTA IL SONDAGGIO

 

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy