Salta al contenuto principale

L'allarme della Cgil: in Trentino

a rischio migliaia di posti di lavoro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 27 secondi

Le ore di cassa integrazione nell'industria trentina sono quasi 11 milioni. Una parte dei 5.000 operai oggi in cassa, sia pur a rotazione, potrebbe perdere il posto di lavoro quando finirà il blocco dei licenziamenti. Lo conferma l'analisi della Cgil sui bilanci 2019 e le tendenze 2020 delle imprese manifatturiere della provincia. Anzi, la crisi è cominciata già l'anno scorso. Il fatturato 2019 delle 91 aziende industriali del campione della Cgil, che sono le maggiori, è stato di 4,943 miliardi di euro, in calo dello 0,4% rispetto all'anno precedente. «Il primo segno negativo dal 2013» sottolinea Franco Ischia , autore del rapporto. Nel 2018 il campione era cresciuto del 3,8%, nel 2017 dell'8,7%. Tiene, se non altro, la redditività.

Quest'anno, dopo la pesante battuta d'arresto del lockdown, con un -26,9% di fatturato nel secondo trimestre (dato della Camera di commercio), d'estate era partita la ripresa: +26,4% rispetto al trimestre precedente, secondo il Centro studi Confindustria. «Un rimbalzo - sostiene il segretario della Cgil Andrea Grosselli - Oggi ci stiamo di nuovo appiattendo. La domanda mondiale è in difficoltà.

Dovremo affrontare ristrutturazioni aziendali nei prossimi mesi». Ad agosto, ultimo dato dell'Agenzia del Lavoro, l'industria era quasi 800 posti di lavoro sotto rispetto al 2019. Ischia cita i milioni di ore di ammortizzatori sociali autorizzati dall'Inps: «Peseranno certamente sul fatturato. L'unico settore che continua ad andare bene è l'agroalimentare».

L'analisi sul 2019, spiega Ischia, registra una crescita nelle costruzioni (+15,3%), che però è poco significativa in quanto sono solo due le aziende del campione, e nell'alimentare (+6,6%), in pieno recupero rispetto agli effetti della gelata del 2017. Il metalmeccanico è stabile (+1%), il tessile segna un -2,8%, il cartario-grafico -8,3%, il chimico -4%. I grandi gruppi continuano nella crescita con un +12,2%. Nel complesso 56 società su 91 hanno visto una crescita del fatturato mentre per 35 c'è stata una riduzione.

L'utile complessivo è a 182 milioni pari al 3,7% del fatturato. Sono in attivo tutti i settori. Le aziende in utile sono 78, quelle in perdita 13. Il margine operativo, differenza tra il valore della produzione e i costi prima della gestione finanziaria, è pari a 254,9 milioni, il 5,2% del fatturato. Sono 17 le società con margine negativo, quelle che si trovano nella situazione di maggiore difficoltà, mentre per 74 è positivo. Gli oneri finanziari, complessivamente contenuti, sono lo 0,4% del fatturato. Secondo Ischia, continuano a non essere un problema per la maggioranza delle imprese del campione, in considerazione del buon livello di capitalizzazione: il patrimonio netto delle 91 aziende è pari a 1,994 miliardi, cioè il 40,2% del fatturato.

Il costo del lavoro ammonta a 662,5 milioni, pari al 13,4% del fatturato. Oscilla tra il 10,8% dell'alimentare e il 15,5% del meccanico. «Nel complesso resta contenuto» dice Ischia. Il tasso di profitto, cioè il rapporto tra utile netto e capitale investito dall'imprenditore, è pari all'8,4%, rispetto all'11,3% nel 2018. Gli indici di produttività e redditività rimangono dunque positivi, anche se in calo.
Le aziende del campione hanno avuto nel 2019 un incremento degli occupati del 5,7%, da 14.635 a 15.466. Va precisato tuttavia che 575 occupati in più provengono dal ritorno alla normalità nel consorzio Melinda dopo la gelata 2017 e la mancata assunzione della manodopera l'anno successivo. Su 83 aziende, 37 aumentano l'occupazione, 46 la riducono o la mantengono stabile.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy