Salta al contenuto principale

Contratto sanità privata
sindacati di nuovo in piazza

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

La sanità privata si ferma e scende di nuovo in piazza. Anche i sindacati di categoria del Trentino hanno aderito allo sciopero nazionale di ieri, dando vita a un presidio davanti alla sede di Confindustria.

La categoria chiede a ARIS e AIOP il rispetto degli impegni assunti il 10 giugno e il rinnovo il contratto di lavoro.

Dopo 14 anni di blocco contrattuale e 3 anni di trattative complicate, la preintesa del contratto nazionale della sanità privata era stata firmata il 10 giugno scorso. Un obiettivo - afferma la Cgil Funzione pubblica - realizzato dopo un percorso durissimo e complicato, che ha segnato un principio fondamentale, stesso lavoro stesso salario stessi diritti, sia nel settore pubblico che in quello privato accreditato».

I sindacati accusano la sanità privata di aver giovato in questi anni di un mercato protetto con profitti enormi che pongono la necessità di una revisione delle regole e dei limiti a chi guadagna sulla salute.

«Non solo - prosegue la Cgil - ma lo si fa a danno e a discapito di tutte quelle lavoratrici e lavoratori che assicurano con professionalità e senso del dovere i servizi ai cittadini, alla pari dei colleghi della sanità pubblica, tenendoli schiacciati in una condizione retributiva e giuridica regolata da un contratto scaduto da 14 anni.
È una vergogna senza pari, che non ammette alibi o attenuanti».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy