Salta al contenuto principale

Ordinanza di cattura dell'orsa JJ4

nuovo KO della giunta, il Consiglio di Stato

accoglie il secondo ricorso animalista

Per l'orsa del Peller e i suoi 3 cuccioli, letargo assicurato

Chiudi
Apri

Foto archivio Servizio Foreste e fauna della Provincia autonoma di Trento

Tempo di lettura: 
1 minuto 57 secondi

La giunta provinciale va ancora KO sugli orsi. E' stato infatti accolto oggi anche il secondo ricorso al Consiglio di Stato presentato dagli avvocati Rosaria Aurora Loprete  e Paolo Emilio Letrari per conto di Leal - Lega Antivisezionista Lombarda. 

Il Consiglio di Stato ha confermato quindi la sospensione dell'ordinanza di cattura di JJ4 e la data per la discussione collegiale del 19 novembre 2020. 

Recita l’atto: «Il Consiglio ha pronunciato il presente decreto sul ricorso numero di registro generale 8025 del 2020, proposto dalla LEAL - Lega Antivisezionista Lombarda, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli avvocati Rosaria Loprete e Paolo Emilio Letrari, con domicilio digitale come da PEC da Registri di Giustizia:
contro
Provincia Autonoma di Trento, non costituita in giudizio; per la riforma dell’ordinanza cautelare del T.R.G.A. - della provincia di Trento n. 42/2020, resa tra le parti, concernente intervento di monitoraggio, identificazione e rimozione di un orso pericoloso per l’incolumità e la sicurezza pubblica;
Visti il ricorso in appello e i relativi allegati; Vista l’istanza di misure cautelari monocratiche proposta dal ricorrente, ai sensi degli artt. 56, 62. co. 2 e 98.co.2, cod. proc. amm.; Considerato che con decreto presidenziale n. 6002/20 è stata sospesa, in riforma
N. 00025/2020 REG. RIC
dell’ordinanza n. 41/2020 del T.R.G.A. Trento, l’esecutività dell’ordinanza n. 491102 dell’11 agosto 2020 del Presidente della Provincia Autonoma di Trento, e contestualmente fissata la discussione collegiale alla camera di consiglio del 19 novembre 2020: Considerato che l’odierna istanza e ricorso in appello contestano l’ordinanza coeva del T.R.G.A. di Trento n. 42/2020, che aveva respinto l’istanza di sospensione avverso il medesimo decreto presidenziale 11 agosto 2020 censurato nel procedimento RG 7812/2020; Ritenuta l’identità dell’atto provinciale impugnato nei due ricorsi e delle due ordinanze T.R.G.A. di Trento n. 41 e 42 del 2020; Considerato che l’istanza debba essere accolta per tutti i motivi indicati nel decreto presidenziale n. 6002/2020 del 12 ottobre 2020. alla cui motivazione si fa integrale riferimento;
P.Q.M. (Per uesto motivo)
Accoglie l’istanza, e per l’effetto, nel confermare la sospensione della ordinanza presidenziale 11 agosto 2020, fissa per la discussione collegiale la camera di consiglio del 19 novembre 2020. Il presente decreto sarà eseguito dall’Amministrazione ed è depositato presso la Segreteria della Sezione che provvederà a darne comunicazione alle parti. Così deciso in Roma il giorno 19 ottobre 2020». Firmato: il Presidente Franco Frattini.

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy