Salta al contenuto principale

Cgil: condizioni poco attrattive

Trecento infermieri rifiutano

l'assunzione in Trentino

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

Per affrontare la crisi epidemica lo snodo fondamentale è aumentare le capacità del sistema sanitario sia in termini di cure sia di attività di prevenzione.
E in questa prospettiva il problema principale è la scarsità di personale.

Nel caso Trentino, la Cgil denuncia i ritardi nell'annunciato potenziamento.

«C’è carenza di personale - scrive il sindacato - e l’Azienda sanitaria non riesce a integrarlo. La riunione di oggi, che ha coinvolto la Fp Cgil, evidenzia un dato allarmante: l’Apss dichiara di aver messo in campo tutti gli sforzi per reclutare infermieri, oss, assistenti sanitari e medici. Ma dice anche che, degli oltre 500 infermieri in graduatoria, circa 300 hanno disertato l’assunzione; sono “entrate” 4 assistenti sanitarie ma ne sono “uscite” 8; sono stati assunti 15 oss per il “drive trough” e 4 assistenti amministrativi tramite la società Randstad. Tutte azioni per dare risposte immediate alle carenze, ma insufficienti in quanto, ad oggi, negli ospedali e sul territorio c’è una necessità maggiore della disponibilità.

Il segretario generale Fp Cgil Luigi Diaspro e la referente del settore Gianna Colle spiegano: "Dati allarmanti. Da molto tempo Fp Cgil chiede costantemente ad Apss, assessorato e presidente provinciale di indicare il fabbisogno triennale del personale, affinché sia stabilito e messo in atto un piano di assunzioni stabile: che risponda alle esigenze di base e a quelle carenze quotidiane che vengono tamponate con rientri dei colleghi. Parliamo, su base annua, di circa 300 assenze per maternità, ferie e aspettative.

Ma ancora più importante: chi rifiuta l’assunzione in Trentino è frenato dalla proposta di un posto a tempo determinato? Quasi tutte le amministrazioni sanitarie regionali organizzano o hanno organizzato concorsi e i professionisti hanno dunque ampia possibilità di scelta. Se il Trentino vuole attrarli deve offrire condizioni più appetibili.

"Il personale sanitario è stremato dalla prima ondata della pandemia e si prepara a una seconda ondata che è già realtà".

Rispetto all’infermiere di famiglia, l’Azienda ha comunicato che si tratta di una funzione aggiuntiva e che verrà dato seguito solo nelle realtà che non sono in difficoltà di personale. Si è rapidamente parlato anche dell’ampliamento delle fasce del drive through, delle postazioni del pre-triage in cui si sta valutando di utilizzare diversamente gli infermieri lì dedicati spostandoli magari nei reparti, delle assunzioni per far fronte alle difficoltà organizzative dell’Alto Garda.

«In ogni caso – spiega Fp Cgil - manca un tavolo di confronto per discutere di recrudescenza dell’epidemia, prospettive di assunzione, risorse arrivate e in arrivo da Governo ed Europa, investimenti sul territorio. Contiamo sul confronto a breve, anche col Dipartimento di prevenzione, che abbiamo chiesto e ottenuto anche per comprendere le attività di screening tramite tamponi molecolari e rapidi e l’impatto sui tecnici di laboratorio, per quanto riguarda sia l’aspetto organizzativo sia quello tecnico"».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy