Salta al contenuto principale

Acquaspace, indagati per "traffico di rifiuti" e rinviati a giudizio

Acquaspace, fabbrica, Rovereto, rifiuti
Chiudi

Acquaspace, fabbrica, Rovereto, rifiuti

Apri

archivio @ladige

Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

Dopo più di tre anni dal sequestro dell’impianto, la vicenda Aquaspace è tornata ieri mattina in tribunale per l’udienza preliminare, slittata nel tempo prima per l’astensione degli avvocati e poi per il Covid. E il gup di Trento ha rinviato a giudizio il direttore dello stabilimento di Rovereto Tiziano Battistini, imputato per il reato di traffico illecito di rifiuti, e la stessa Aquaspace. Il prossimo 18 maggio, questa volta in tribunale a Rovereto, si aprirà dunque il processo per chiarire se in via del Garda si è agito correttamente o meno. Si tratta di un passo fondamentale in un procedimento giudiziario complicato ma al quale è appeso il futuro di due aziende: la stessa Aquaspace e la vicina Tessilquattro. Ecco perché l’udienza preliminare, soprattutto dopo un anno di stop, era attesa con trepidazione. Perché le rassicurazioni del patron Giulio Bonazzi - che ha sempre garantito che nessuna azienda verrà chiusa prima della fine della vicenda - hanno permesso ai lavoratori di dormire più tranquilli ma è evidente a tutti che quello di adesso, con l’impianto Aquaspace che funziona a mezzo servizio, è un equilibrio che non potrà durare in eterno.
Quanto ai fatti, il caso è partito da un’indagine della Dda di Trento sull’impianto di trattamento rifiuti Aquaspace: la parte chimica dell’impianto, che in forza di un’autorizzazione gestiva fino a 162 mila tonnellate l’anno di rifiuti liquidi, di cui 63 mila di rifiuti pericolosi, secondo l’Appa e i pm Davide Ognibene e Alessandra Liverani non lavorava in modo corretto. Lo si è capito nel febbraio 2018, quando Noe e Appa hanno messo i sigilli alla parte chimica dell’impianto di via del Garda, da quel momento ferma. Ora funziona solo la parte biologica, che garantisce la depurazione a Tessilquattro.
In tre anni la tesi della procura non è cambiata, così come non è cambiata quella -diametralmente opposta - dell’azienda. Secondo i pm quell’impianto lavorerebbe in modo scorretto per tre motivi: avrebbe accolto rifiuti che non poteva trattare, avrebbe miscelato rifiuti pericolosi di diversa natura e, soprattutto, non avrebbe davvero trattato i rifiuti inquinanti, li avrebbe solo annacquati. La difesa - rappresentata dagli avvocati Andrea Tomasi e Paola Ficco - contesta in toto la ricostruzione dell’accusa: quell’impianto miscela i rifiuti perché una volta entrati non sarebbero più rifiuti ma materie prime. E l’accostamento di sostanze antagoniste servirebbe per abbattere gli inquinanti che non sarebbero quindi annacquati ma trattati come da autorizzazione.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy