Salta al contenuto principale

Altri quattro comuni raggiunti dalla fibra ottica: internet veloce a Mezzolombardo, Calceranica al Lago, Mazzin e Pieve di Bono-Prezzo

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

TRENTO - Mezzolombardo, Calceranica al Lago, Mazzin e Pieve di Bono-Prezzo sono i nuovi Comuni delle "aree bianche" del Trentino che, da qualche settimana, possono beneficiare della connettività in fibra ottica Ftth (Fiber to the home). Lo rende noto un comunicato della Provincia di Trento, che riporta una comunicazione di Open Fiber, la società che si sta occupando della realizzazione di reti ultraveloci sul territorio provinciale.

I progetti esecutivi Ftth già approvati sono 103, mentre i cantieri aperti 94. L'obiettivo è di aprire circa 170 cantieri entro il 2021. Una percentuale minore di collegamenti, circa il 20%, e perlopiù per abitazioni sparse in zone più decentrate, difficilmente raggiungibili con il cavo in fibra ottica, viene realizzato mediante la tecnologia radio Fia (Fixed wireless access). I progetti Fwa sono 37, dei quali 27 già conclusi. Il valore dell'intero progetto, finanziato con fondi pubblici, ammonta a 72 milioni di euro. L'opera rimarrà di proprietà pubblica, mentre Open Fiber ne curerà la gestione e la manutenzione per i prossimi venti anni.

Gli utenti di 37 Comuni che dispongono già di infrastrutture "ultrabroadband" sono circa 33.000. 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy