Salta al contenuto principale

In piazza la rabbia dei provinciali

La protesta contro i nuovi orari

 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 46 secondi

Caos, disastro, delirio. Inutile, assurdo, demagogico.
Sostantivi e aggettivi sono frutto del feedback (del riscontro, insomma) dato da molti dipendenti provinciali ai sindacati dopo i primi due giorni di ritorno in ufficio con la modalità del doppio turno. 50% dei lavoratori alla scrivania tra le 7.30 e le 12.45. L’altra metà tra le 13.30 e le 18.15/19.30.

Con qualche venerdì pomeriggio e sabato mattina in ufficio. E il completamento d’orario in smart-working, negli stessi giorni della parte svolta in ufficio, per un totale di undici ore.
«Il report arrivato dai lavoratori provinciali in questi due giorni - esordisce Luigi Diaspro, della Fp Cgil - è in massima parte negativo. Il doppio turno non convince. Beninteso: i lavoratori vogliono tornare in sede, se la Provincia lo giudica necessario. Ma non così. È una scelta sbagliata e illegittima, continuiamo a sostenerlo. Non si è guardato alla qualità, ma alla quantità. Viviamo purtroppo una stagione in cui i dipendenti pubblici sono sotto la gogna mediatica. Considerati fannulloni e privilegiati. Costretti a stare zitti perché c’è chi sta perdendo il lavoro? I nuovi orari e i due turni imposti dalla Provincia vanno contro le norme contrattuali e sindacali. I nostri uffici legali stanno preparando i ricorsi».
Il sentiment dei lavoratori è stato raccolto anche stamattina a partire dalle 11 in un’assemblea in sala della Cooperazione (posto per 150 persone) mentre gli altri lavoratori hanno presidiato piazza Dante.

«L’orario di lavoro è basilare per il benessere e la conciliazione dei tempi dei lavoratori - prosegue Diaspro - e qua si tende a mettere gli uni contro gli altri. Lavoratori del privato contro quelli del pubblico.

Nessuno vuole boicottare, poi, i commercianti che beneficiano del sistema dei buoni mensa utilizzati dai lavoratori. Non si può andare avanti a sportellate, manca il confronto». Beppe Pallanch, segretario della Cisl Funzione Pubblica è sulla stessa lunghezza d’onda: «I lavoratori ci raccontano di situazioni caotiche. L’arrabbiatura è generalizzata, perché il doppio turno non serviva.
Era meglio scegliere giornate in ufficio alternate da giornate di telelavoro. La superficialità ha sostituito la concertazione. È una scelta fatta per riempire la pancia di chi continua a dipingere i dipendenti pubblici come fannulloni. Non si può prendere a calci il contratto e pensare che i lavoratori siano stati assunti per consumare buoni pasto? Piuttosto, è grave che non ci siano arrivate informative sul contagio registrato al Dipartimento trasporti e nessuna linea guida».

Marcella Tomasi, della Uil Fp, ha parlato con diversi dipendenti provinciali dopo l’avvio del nuovo orario: «Continuano ad arrivarmi segnalazioni. Mi dicono che alcuni dirigenti non applicano i nuovi doppi turni, altri sì. C’è chi deve correre a casa, magari in cima alla Val di Sole, per continuare con lo smart-working lo stesso giorno. Negli uffici c’è chi va e chi viene e non riescono a coordinarsi. Con lo smart-working tutti i servizi erano stati garantiti. Ora si rischia un rallentamento».

«Il lavoro a distanza è il futuro. Dovremmo lavorare bene su quello. Invece - è una mia riflessione personale - è dura a morire la mentalità del controllo sul dipendente, e non del merito e degli obiettivi raggiunti» è il giudizio di Maurizio Valentinotti della Fenalt.

«Per non dire dei problemi di gestione dei figli che stanno vivendo le famiglie di chi ora deve uscire di casa alle 6 del mattino o vi fa rientro dopo le 19. Forse per un 5% dei lavoratori sarà anche comodo? Siamo in periodo di ferie dei lavoratori: questa imposizione dall’alto non occorreva, si garantiva il distanziamento comunque. Ci segnalano problemi anche per consumare il pasto: si assembrano tra le 13 e le 13.30 in bar e ristoranti vicini agli uffici tanto i lavoratori che escono che quelli che stanno per entrare».

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy