Salta al contenuto principale

Roby Baggio e il rimpianto

per quel rigore sbagliato

nella finale col Brasile

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

«Mi capita ancora che mi venga in mente prima di andare a dormire. Anche perchè era il sogno che avevo da bambino, una finale Italia Brasile...». Così Roberto Baggio, intervistato dal direttore della Gazzetta dello Sport, Andrea Monti, nel corso della seconda edizione del Festival dello sport di Trento. Il Pallone d’oro 1993 è stato accolto da un’ovazione del pubblico che ha gremito il Teatro Sociale.

L’ex «Codino» ha ricordato l’episodio più noto e triste della sua lunga e prestigiosa carriera, in cui, tra le altre, ha indossato le maglie di Juve, Inter e Milan. Nella finale dei Mondiali del 1994, nel caldo torrido di Pasadena, Baggio sbagliò l’ultimo rigore della serie contro il Brasile di Romario e Bebeto. «Rigori ne ho sbagliati tanti - ha ricordato Baggio - ma non ho mai tirato un rigore alto. L’ho sognato per anni e ho fatto fatica a rielaborarlo. È l’episodio che, se avessi la bacchetta magica, cancellerei».

Baggio ha raccontato del suo passaggio dal Vicenza alla Fiorentina, e poi quello più turbolento, con tre giorni di guerriglia, dalla Viola alla Juventus. Ma la «sua» maglia numero 10 per eccellenza è stata quella azzurra. «Stare in nazionale per me era un momento particolare, quella maglia era qualcosa di straordinario e incredibile per me, mi ci sentivo bene».

Una maglia che gli ha dato tante gioie, ma anche cocenti delusioni. Non solo come quella del Mondiale americano. Lo fu anche, ha ricordato Baggio, l’esclusione dalla spedizione azzurra del 2002 in Corea del Sud e Giappone, dopo un recupero record dall’ennesimo infortunio. «Una ferita non rimarginata paragonabile al calcio di rigore di Pasadena - ha detto Baggio - perchè, forse passo per presuntuoso o arrogante, ma per una volta non mi interessa, credo che alla fine meritassi di essere tra i convocati di quel Mondiale. Perchè ho avuto un’operazione e sono tornato dopo 77 giorni in campo. Meritavo di andarci anche solo senza giocare, a parte che avrei giocato... Era forse qualcosa che il calcio mi doveva e non è stato così e forse è anche per questo che oggi mi allontano».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy