Salta al contenuto principale

Mondiali di sci 2021 a Cortina

Verso un no all'ipotesi di rinvio

Chiudi
Apri

Ansa

Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

Rimettono le lancette all’indietro i Campionati mondiali di sci di Cortina d’Ampezzo (Belluno) che, dopo l’auspicato slittamento nel 2022, per superare l’onda covid, potrebbero ri-materializzarsi nella data iniziale: il 2021.

Nulla è ancora deciso, perché la Federazione Interazionale dello Sci (Fis) si riunirà i 2 luglio per prendere questa e altre scelte sul prossimo calendario gare. Ma l’orientamento, dicono fonti vicine al dossier, pare essere quello di respingere la proposta italiana di un anno di tempo in più, e confermare  i 15 giorni di gare a Cortina a metà febbraio 2021. «Tutti sono pronti a realizzare un importante evento per l’Italia e noi porteremo in Consiglio questa chiara volontà e la sottoporremo all’attenzione dei rappresentanti delle altre nazioni. L’attività per la realizzazione dell’evento non si è mai fermata e se la decisione del Consiglio sarà quella di proseguire con le date originarie del febbraio 2021, noi lo faremo» le parole del presidente della federazione sport invernali, Flavio Roda.

Pochi mesi davanti, quindi, per finire le infrastrutture, l’ammodernamento degli impianti, delle piste, il rinnovamento degli hotel della conca ampezzana. I Mondiali ‘green’ su cui punta la Fondazione Cortina 2021 presieduta da Alessandro Benetton, pur obtorto collo, potrebbero però dare al Veneto e all’Italia una grande occasione: essere il primo grande evento internazionale di sport dopo la pandemia.
La macchina organizzativa a Cortina del resto non si è mai fermata. e in diverse occasioni  gli organizzatori hanno sottolineato che qualunque fosse la scelta la Regina delle Dolomiti era pronta.
In piena emergenza Coronavirus, il 24 maggio scorso, era stato il numero uno del Coni, Giovanni Malagò, ad annunciare che il presidente della Fisi, Fabio Roda, avrebbe chiesto all’esecutivo Fis di spostare tutto al 2022, anno in cui sono previste anche le Olimpiadi Invernali. Il problema, aveva detto Malagò, non sono tanto le gare, ma tutto ciò che vi gira attorno: il pubblico, gli eventi, e la sicurezza che deve essere garantita.

Su Cortina 2021, kermesse che farà da traino alle Olimpiadi invernali italiane 2026, sono già in ballo circa 500 milioni di investimenti: di questi 270 mln solo di opere infrastrutturali garantiti dall’Anas. Poi vi sono quelli della Fondazione Cortina, quelli del commissario di governo per i Mondiali Luigivalerio Sant’Andrea, dei privati - come per la nuova cabinovia «Freccia nel Cielò - e un’altra decina di milioni della Regione Veneto per l’upgrade delle strutture turistiche.

Fare i Mondiali nel 021, con la sicura riduzione della cornice di pubblico, rischierebbe di far saltare l’obiettivo di ticketing di 120mila presenze nelle due settimane di gare. Così è stata cauta oggi la reazione alle indiscrezioni del presidente del Veneto, Luca Zaia. «Ho sostenuto Roda e Benetton per tentare di spostare i Mondiali di sci al 2022 - ha detto - e ritengo sarebbe la soluzione migliore. Se però, per qualche difficoltà, ci toccasse farli nel 2021, li faremo». Zaia tuttavia ha avvertito che «se tornasse l’infezione da coronavirus, si dovrebbero fare quantomeno a porte chiuse. Meglio quindi assicurarsi, perché c’è anche il rischio che li annullino».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy