Salta al contenuto principale

Ponte Pià: in azione elicottero con "campana a gas" per scaricare le slavine sopra la strada

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

AGGIORNAMENTO: Dopo l'intervento dell'elicottero e il nuovo sopralluogo dei vigili del fuoco e del Servizio Strade, la statale è stata riaperta alle ore 17. E' quindi nuovamente transitabile in sicurezza.


 

Le slavine che ieri hanno investito la statale del Caffaro a Ponte Pià - con conseguente chiusura dell’arteria - sono state oggetto questa mattina di un sopralluogo dei tecnici della Provincia e della Commissione valanghe.
Dopo un primo sopralluogo, si è constatata l’impossibilità di riaprire subito la circolazione, in quanto sui pendii a monte della strada - proprio in corrispondenza delle gallerie - l’accumulo di neve è ancora importante. Si tratta di neve farinosa, poco compatta, e a rischio di nuove valanghe.
Per questo nel primo pomeriggio si è fatto intervenire l’elicottero del Nucleo dei Vigili del Fuoco di Trento, che ha eseguito alcune manovre con la “Daisy Bell”, la campana a gas che agganciata all’elicottero provoca forti esplosioni per generare un’onda d’urto che provochi il distacco della neve.
L’operazione serve a liberare il carico.
Il problema è che dalle 15 è ripreso a nevicare intensamente, e per il momento - dovendo anche liberare la sede stradale - non si parla ancora di riapertura.


Quindi  Giudicarie ancora isolate fra Ponte Arche e Tione, nei pressi della galleria di Ponte Pià

La statale resta chiusa, da Sarche è impossibile raggiungere le Giudicarie e la Rendena per i camion. 

Chiusa in queste ore anche la provinciale del Lisano, per pericolo slavine.

I VIDEO DELLE VALANGHE A PONTE PIA'

 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy