Salta al contenuto principale

Unità cinofile mobilitate

per due persone scomparse

nella Piana Rotaliana

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 30 secondi

Giornata di grande impegno, ieri, per le unità cinofile della Scuola provinciale Cani da Ricerca e Catastrofe. Gli interventi si riferivano a due persone scomparse entrambe nel territorio della Rotaliana.

Il primo intervento dopo le ore 17 a San Michele all’Adige, in seguito alla denuncia di scomparsa di una persona. Sono prontamente intervenute 7 unità cinofile della Scuola: un’unità molecolare e le altre di superficie.

Erano inoltre presenti, oltre ai locali Vigili del fuoco volontari, anche 3 unità cinofile del Soccorso Alpino (oltre a volontari della Stazione del Soccorso Alpino della Bassa val di Non e Rotaliana) e 5 unità cinofile della Croce Rossa.
Le ricerche, effettuate in prossimità del fiume Adige, si sono fermate in serata. Al momento la persona non è ancora stata ritrovata e proseguono le ricerche da parte della protezione civile.

Le unità cinofile della Scuola sono state nuovamente allertate alle ore 23: l’allarme si riferiva in questo caso ad una giovane persona di Mezzocorona scomparsa dalla propria abitazione. Sono state mobilitate 5 unità cinofile, molecolari e di superficie, ma fortunatamente non è stato necessario il loro impiego in quanto la persona scomparsa si era nel frattempo messa in contatto con i propri congiunti.

La Scuola provinciale Cani da Ricerca, convenzionata con la Protezione civile trentina, spiega il presidente, Nicola Canestrini, è un’associazione di volontariato attiva dal 1980 per effettuare sul territorio provinciale, nazionale ed estero la ricerca di persone disperse o colpite da calamità o catastrofi. Vengono addestrate e impiegate unità cinofile formate da volontari che operano in tre diverse modalità: superficie, maintrailing, macerie.

Le unità cinofile della Scuola, sotto la guida di istruttori, sono soggette a continue esercitazioni e aggiornamenti su tutto il territorio provinciale/nazionale ed operano in piena sinergia con il sistema della protezione civile trentina, svolgendo un grande lavoro di squadra e di coordinamento durante le ricerche.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy