Salta al contenuto principale

A Cembra ha funzionato

la "zona rosè" anti-covid

Crollo dei contagi: da 80 a 15

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 5 secondi

Il titolo ideale sarebbe stato "Liberi tutti a Cembra Lisignago". Ma, per ovvi motivi di Dpcm, non potevamo farlo. Però, da sabato, l'ordinanza ad hoc che ha riguardato il comune cembrano è terminata. A inizio ottobre un improvviso e incontrollato aumento dei contagi aveva costretto la Provincia e l'Azienda sanitaria, in stretta collaborazione con l'amministrazione del territorio, a intervenire.

L'abbiamo definito un "mini lockdown" o una "zona rosè" ma ora, con il senno di poi, possiamo definirlo un esperimento ben riuscito. Non lo diciamo noi. Lo dicono i numeri. «Ad oggi abbiamo 15 persone positive. A inizio ottobre eravamo a 80. Nelle ultime due settimane sono emersi 8 nuovi casi positivi, ma a fronte di quasi una cinquantina di guarigioni. E da qualche giorno abbiamo 0 classi in isolamento: tutti i nostri bambini, che frequentano nido, materna, elementari e medie, stanno andando regolarmente a scuola».

A parlare è la sindaca Alessandra Ferrazza , che ha gestito una situazione non facile con fermezza, andando incontro alle richieste senza inutili polemiche. E così il tasso di contagiati è passato da quasi il 3% della popolazione allo 0,5%. «I contagi sono calati da subito, già due settimane fa quando sono entrare in vigore le nuove regole e le tante raccomandazioni. Gli effetti del comportamento delle persone li stiamo vedendo adesso e senza dubbio l'iniziativa è andata bene. Purtroppo siamo, come tutti, preoccupati per la situazione generale, che sta peggiorando a livello nazionale ma anche locale. Circa un mese fa, quando il "nostro" focolaio è partito, la situazione era ben diversa».

Ferrazza ci spiega come il "primo" Dpcm, quello di una settimana fa, fosse in realtà molto simile all'ordinanza per Cembra. «Si è chiesto agli italiani di fare quello che a Cembra già facevamo. Poi è arrivato il nuovo Dpcm, che è molto più restrittivo, ma in Trentino c'è qualche apertura in più. Noi speriamo di poter partire con alcuni corsi individuali per i bambini, come quelli di musica o di inglese, che noi avevamo fermato immediatamente. Ma in generale la speranza è che la situazione migliori in fretta un po' ovunque». Perché accada molto dipenderà dai comportamenti dei singoli cittadini. E la speranza è che in Trentino come in Italia le persone prendano esempio dai cembrani che, con due settimane di sacrifici e restrizioni, hanno riportato i tassi di contagio vicini allo zero. Senza colpevolizzare nessuno, nel piccolo comune qualche comportamento "a rischio" c'è indubbiamente stato, tra feste e assembramenti, costringendo a un intervento deciso. Ora la situazione è tornata sotto controllo. «Una contro ordinanza? Non è servita: quella "vecchia" è terminata e quindi siamo tornati come tutti gli altri comuni trentini».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy