Salta al contenuto principale

Cassette, vinile e vintage:

nel weekend torna la fiera

per gli appassionati 

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

Spostata da maggio causa pandemia, torna questo fine settimana la ventiduesima Fiera del disco, organizzata dall’associazione Orizzonti sonori. Un appuntamento che catalizza l’attenzione degli appassionati, ma non solo, di tutta la regione ed anche delle provincie limitrofe, vista ormai la sempre crescente platea di chi colleziona vinili, in particolare il 33 giri, musicassette, cd, vhs e tutto quello che ha sapore «vintage».

Con orario continuato dalle 10 alle 19, sarà sala Maier ad ospitare gli espositori che provengono da tutto il nord Italia. Come spiega il presidente Sebastiano Fruet, quest’anno gli espositori partecipanti saranno un po’ meno: «Avremo una decina di persone che espongono -dice- e questo perché alcuni, magari da fuori regione, con la situazione attuale non se la sentono di mettersi in viaggio e fare molti chilometri. Ma visto che dovremo contingentare gli ingressi e rispettare tutti i protocolli di sicurezza, quest’anno la fiera va così».
Le persone che visitano la fiera sono di ogni genere: ci sono i curiosi, gli appassionati ed i collezionisti incalliti. C’è gente che arriva ad avere in collezione anche 14 mila dischi, ma ci sono anche giovani, che pian piano stanno riscoprendo sempre più i supporti musicali del passato, e anche la loro peculiarità, quel suono gracchiante e particolare che tutti apprezzano.

L’associazione Orizzonti Sonori sarà poi protagonista, in collaborazione con il Comune di Pergine, del concerto «Pergine Live 2020» sabato 26 settembre in piazza Fruet: alle 19.30 si inizierà con il concerto dei Zero Zero 39, gruppo rock anni Ottanta/Novanta di musica inglese ed italiana; alle 21.30 salirà sul palco invece la Supersonic Band, che proporrà disco music funky anni Settanta. In occasione della serata ci sarà anche Francesco Street Food per allietare anche il palato. «La voglia di organizzare una serata in musica -conclude Fruet- era davvero tanta, troppa, così come era incontenibile la voglia dei musicisti di esibirsi».
Orizzonti Sonori ha già organizzato, con pieno successo, la Festa della Musica 2020: il primo evento post lockdown in città che ha mostrato la voglia dei perginesi di riappropriarsi della piazza per divertirsi.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy