Salta al contenuto principale

Arco, Severino Bombardelli:

"Sono medico e positivo:

molti colleghi rischiano"

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 40 secondi

«A me è andata davvero bene, ma oggi sono ancora troppi i medici, operatori sanitari e socio-sanitari che stanno rischiano prestando il loro prezioso servizio accanto a tanti pazienti positivi: solo loro i veri “eroi” di questa battaglia epocale contro il coronavirus».
Da alcune settimane il noto medico di base e di medicina generale di Arco Severino Bombardelli è in quarantena, dopo essere risultato positivo a Covid 19, dovendo sospendere il suo servizio negli ambulatori di Pietramurata e Dro, e nella locale Rsa.

«Voglio esprimere innanzitutto la mia solidarietà e vicinanza alle famiglie della collega delle Val di Fassa scomparsa lunedì in ospedale a Trento, e dei miei anziani pazienti che hanno perso la loro battaglia contro il virus: vittime innocenti che si spengono in solitudine e senza l’affetto dei loro cari - precisa il dottor Severino Bombardelli noto in tutto la Busa anche per il suo impegno sociale e politico - pur positivo al tampone non ho accusato alcun sintomo influenzale (forse un leggero raffreddore) e continuo a lavorare dal mio domicilio, dando giornalmente ai miei pazienti consigli, indicazioni e sostegno psicologico per affrontare un’emergenza sanitaria del tutto inaspettata, e all’inizio forse sottovalutata.
Le immagini della Cina ci parevano lontane, scenografia di un film apocalittico in una società dove medicina, scienza e ricerca ci facevano sentire, a torto, immuni da tutto».

Emergenza coronavirus che ha stravolto anche ritmi e prestazioni delle medicina di base. «Devo ringraziare i colleghi che mi stanno sostituendo in queste ore in ambulatorio, dove si riceve solo su appuntamento e previa telefonata - spiega Bombardelli - non è questo il momento delle polemiche o delle accuse su mancate forniture di mascherine e dispositivi di sicurezza. Tutti ci siamo trovati impreparati di fonte a tale sfida sanitaria e non è stato facile avviare un’assistenza puntuale, che oggi consente di seguire e curare a domicilio gran parte dei soggetti positivi o con sintomi riconducibili a Covid 19 (dei 2.529 positivi trentini, 1.399 sono seguiti a domicilio, il 57% del totale, ndr)».
Quali le indicazioni per ridurre i contagi. «Vanno seguite in modo attento e responsabile le indicazioni ministeriali su spostamenti e distanziamento sociale: l’indicazione “io resto a casa” è la prima norma da seguire - ricorda il dottor Bombardelli - servirebbero inoltre più tamponi per personale sanitario e i soggetti che operano in prima linea (dalle forze dell’ordine, ai volontari di protezione civile, ai farmacisti e commessi dei negozi aperti). Operando in un ambiente a rischio (Rsa) sono stato tra i primi a eseguire il tampone e ciò ha evitato che potessi contagiare altri pazienti o persone sane accolte in ambulatorio.
I tamponi, come assicurato dalla task-force provinciale, aumenteranno ma non potranno raggiungere tutti. Serve grande attenzione da parte di tutti, e chi accusa in questo periodo febbre o sintomi influenzali deve affrontarli in modo serio e corretto, osservando un periodo di autoisolamento (una decina di gironi)».

«Siamo tutti nella stessa barca e siamo chiamati a remare insieme per vincere questa battaglia - conclude Severino Bombardelli citando le parole di Papa Francesco - un obiettivo sicuramente possibile, ma non immediato, che deve indurci ad una profonda riflessione sull’approccio a malattie ed epidemie, riconoscendo capacità, ma anche limiti, del mondo della ricerca e della medicina».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy