Salta al contenuto principale

Allarme nei bar e ristoranti:

troppi clienti con mascherina

se ne vanno senza pagare

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 39 secondi

Allarmante ritorno della "Banda Bassotti" nei locali dell'Alto Garda. Dopo alcune stagione di tiepida attività è tornata ora a imperversare come ai bei tempi andati.
E allora, si chiuda a doppia mandata la cassaforte di Paperon de Paperoni, o nella nostra dimensione meno fumettistica e, per necessità, con i piedi per terra, l'invito è a sbarrate le porte, quelle in uscita, di bar e ristoranti perché le segnalazioni di raid truffaldini si vanno moltiplicando.

Sta succedendo questo: in diverse pizzerie o ristoranti, al termine di una cena che di solito è strumentalmente abbondante, i cosiddetti "clienti", con fare disinvolto, guadagnano l'uscita e "buonanotte sonadori", se ne vanno senza pagare. Neanche fanno il gesto di tirar fuori di tasca uno straccio di portafoglio.

Che sta succedendo? Ci sono condizioni e circostanze che hanno portato al ritorno del fenomeno dei mangiatori a ufo e a sbafo.

Ora, per via del coronavirus, nei pubblici locali ci sono corsie in entrata e in uscita e talvolta basta percorrerle in senso inverso; così quella in entrata viene utilizzata anche per l'uscita perché, di solito, se c'è un controllo (che fino a poco fa, in buona fede non c'era) è ovviamente rivolto a tener sott'occhio chi esce.
Poi, e questo è l'aspetto più rilevante, ci sono le mascherine che, indossate da chi si alza dai tavoli, rendono tutti difficilmente distinguibili.

Ed è per questo che si parla di ritorno della "Banda Bassotti", anche se i nemici giurati di Paperone, le tenevano ben fisse e nere sugli occhi. Ora l'anonimato è garantito dalle mascherine che sono salite più in basso, ma, pur con motivi e colori diversi, coprono buona parte del viso. E ti viene in mente una discutibile storiella di questo periodo che dice che, con il coronavirus, non solo i rapinatori possono andare in banca mascherati.
Ma qui si parla di bar e ristoranti. Ci diceva un titolare che, visto il diffondersi del fenomeno, ora c'è uno o più addetti, spesso un cameriere che, quando qualcuno si alza lo segue e lo tallona e, se raggiunge l'uscita, lo ferma e lo interroga. Così succede che se una famiglia o una comitiva guadagna l'uscita e resta indietro solo il pagatore, di solito il capofamiglia o il capocomitiva, ci sono controlli incrociati e verifiche. E solo se il pagatore va alla cassa e fa il suo dovere, gli altri vengono "liberati", a meno che non si tratti di clienti abituali, ben conosciuti e "portafogliamente" affidabili.

Chi sono i mangiatori a sbafo, emuli degli eroi di commedie all'italiana, di studenti universitari che allora praticavano, per i pochi soldi in tasca e per divertimento, questo esecrabile sport? I giustamente inviperiti proprietari dei locali dicono che non c'è un identikit: sono fedifraghi giovani e meno giovani, di entrambi i sessi, nazionali e "foresti". Saranno gli effetti incontrollati del coronavirus che, oltre al respiro, inibisce anche la capienza in soldoni delle tasche, sarà l'arma impropria, ma caricata a colpi di anonimato pesante, della mascherina, sarà quello che vuoi… il fatto è che sono tornati. «Vado fuori a fumare», sì buonanotte, fumatori e suonatori. Anche i grandi musicisti, come Mozart e compagni, erano maestri nell' "arte della fuga", ma allora le mascherine, beati loro e bei tempi, le mettevano solo a carnevale.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy