Salta al contenuto principale

Giro di vite sul "bike sharing":

aumenterà la sorveglianza

e nuove regole contro gli abusi

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 57 secondi

Giro di vite della Provincia nella gestione del servizio di “bike sharing” a Trento con BicinCittà per evitare gli abusi che ci sono stati.

Per prima cosa sarà aumentata la sorveglianza nei pressi delle ciclostazioni, e rafforzata la collaborazione con la polizia locale.

Gli operatori di BicinCittà effettueranno ulteriori controlli: sono stati immediatamente disattivati gli account fraudolenti o non autorizzati, come ad esempio utenti minorenni, soggetti che usano account di terzi, persone che hanno più di un account e in generale tutte le casistiche non previste dal contratto.

In secondo luogo, a breve cambierà la fascia di utilizzo gratuito, che passerà a 30 minuti.

Infine, l’utilizzo delle biciclette sarà limitato ad un massimo di 3 ore - anche non consecutive - al giorno.

Si tratta di un servizio molto apprezzato dalla cittadinanza e che l’amministrazione provinciale ha deciso di implementare, aderendo ad un bando ministeriale che porterà nelle casse di Piazza Dante 1 milione di euro di contributo.

Disponibile 365 giorni all’anno per l’intero arco della giornata, la flotta di 196 biciclette pubbliche (di cui 74 elettriche) è costituita attualmente da 51 ciclo-stazioni, per un totale di 598 colonnine. Presto si aggiungeranno dunque 37 nuove stazioni con altre 378 colonnine.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy