Salta al contenuto principale

Terme di Garniga, riqualificazione

da tre milioni di euro

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 9 secondi

Ieri sono stati consegnati i lavori di riqualificazione del complesso delle Terme di Garniga ed è quindi iniziato il cantiere. La commessa di Garniga Terme spa, poi confluita in Patrimonio del Trentino, vale circa 3 milioni di euro.
È stata aggiudicata al raggruppamento di imprese tra la Pretti & Scalfi di Tione - circa 6 milioni il fatturato 2019 - e il consorzio stabile Technik Bau - 9 milioni i ricavi 2019.

I soci di Technik Bau sono 8 imprese del settore dell'impiantistica meccanica ed elettrica, Tecnoimpianti Obrelli e Zorzi Geom. Mario con le quote maggiori e poi Carlo Gavazzi Impianti, La Thermotecnica Condizionamento, Tecnoair, Isolazioni Tamanini, Chistè, Sg Elettrica.

Il via al cantiere delle Terme di Garniga è uno dei segnali di ripresa dell'attività edilizia in Trentino dopo la fase più acuta della crisi Covid. Molti sono lavori privati, a Trento sono ripartiti diversi cantieri di edilizia residenziale. E ora tutti aspettano l'impatto del Superbonus al 110%.
Ma ci sono anche lavori pubblici aggiudicati, sia pur non paragonabili agli anni precedenti.

Da gennaio ad oggi, secondo il Sistema informativo contratti della Provincia, sono state aggiudicate opere pubbliche per quasi 77 milioni. Tra le commesse maggiori, l'ampliamento e ristrutturazione del liceo Maffei di Riva del Garda, 23 milioni di lavori aggiudicati a tre aziende di fuori regione, e l'ampliamento e ristrutturazione dell'edificio principale dell'ospedale San Lorenzo di Borgo Valsugana, 13 milioni di lavori vinti dal raggruppamento di imprese Mak Costruzioni, Bertolini Ocea e Edison Facility Solutions.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy