Salta al contenuto principale

Assembramenti per il brulé:

Ianeselli chiude due casette

del centro di Trento

Chiudi

Franco Ianeselli, casette, castagne, brulé, Covid, chiusura

Apri
Chiudi
Apri

Whatsapp foto

Tempo di lettura: 
1 minuto 46 secondi

«Se il buonsenso non basta, siamo pronti a inasprire le restrizioni, anche rispetto all'ordinanza provinciale».

Il sindaco di Trento Franco Ianeselli non tollera più la situazioni di assembramento in città, come quella folla che si è radunata sabato pomeriggio.

Ieri mattina, assieme al comandante della polizia locale Lino Giacomoni, Ianeselli ha voluto consegnare di persona l'ordinanza di chiusura ai due titolari dei quattro chioschi di caldarroste - e soprattutto brulè - del centro, attorno ai quali sabato pomeriggio gran folle si sono assiepate. Via Calepina e via Oss Mazzurana, luoghi con scene fuori luogo.

«In realtà siamo andati solo in via Calepina. I titolari del chiosco di via Oss Mazzurana, dopo essersi confrontati con la polizia locale già sabato, non sono neanche tornati in città per riaprire».

In molti si chiedono anche perché i chioschi fossero aperti. 

«Formalmente offrono unicamente prodotti da asporto. Comprendo il problema, ma è legato - come molti altri aspetti di questa emergenza - al buonsenso della gente. Non dovrebbero servire controlli o indicazioni per capire che in un momento come questo, castagne o brulé vanno acquistati e poi consumati altrove. Non certo, comunque, creando capannelli sul posto».

Nella foto sotto: la folla sabato pomeriggio in via Oss Mazzurana

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy