Salta al contenuto principale

Uno "snowpark" artificiale

nelle strade di Strigno:

interrogazione di "Futura"

Chiudi
Apri

Facebook Albert Andreas Zanghellini

Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi

Il gruppo consiliare provinciale di «Futura» critica la manifestazione di snowboard organizzata sabato scorso nel centro di Strigno.

In un’interrogazione i consiglieri Lucia Coppola e Paolo Ghezzi ritengono che «trasformare le vie di un paese posto a 500 metri di altitudine in uno snowpark sia un controsenso in un’epoca storica di cambiamenti climatici in cui la neve scende solo ad alta quota e l’acqua costituisce un bene prezioso ed esauribile che deve essere tutelato e preservato».

L’interrogazione si occupa della manifestazione di sabato e domenica nel paese della valsugana, dove è stata ricreata una vera e propria pista di Slopestyle, per un contest aperto a tutti e diviso in due categorie: snowboarder e skier. L’evento si chiama «Urban Streetz Contest», ed è la terza edizione, una iniziativa promossa dall’Associazione Fuoripista Snowclub.

La neve artificiale è stata posizionata con un lavoro di alcune notti, per realizzare il box piattella di 5 metri, un tubone da sette metri ed un jump finale per atterrare direttamente in piazza Municipio.

Foto Facebook - Albert Andreas Zanghellini


 

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy