Salta al contenuto principale

Morto Gianpiero Guadagnini, Primiero in lutto, portò l'informatica nelle scuole professionali

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

Lutto nel mondo sindacale trentino. Gianpiero Guadagnini ha perso la sua battaglia contro il Covid ed è morto ieri.

Il ricordo più bello lo fanno le Acli del Primiero Vanoi Mis che in un messaggio spiega a tutti chi era Guadagnini.

«Nel 1967 Enaip Trentino lo ha nominato direttore del CFP Enaip di Primiero. Ha svolto tale incarico per vent’anni, con entusiasmo e tenacia, apportando importanti innovazioni. Guadagnini è stato motore di sviluppo e radicamento dell’azione formativa sul territorio, ma anche promotore di opportunità di lavoro.

Si è attivato per riconvertire i corsi di formazione secondo nuove esigenze e nuove prospettive economiche.

Sua fu l’intuizione di avviare nel 1974 il corso per Addetti di Amministrazione, percorso rivolto anche alle ragazze accanto ai tradizionali corsi in ambito meccanico ed elettrico. Negli anni ottanta attiva corsi di formazione nel settore alberghiero e del legno e il suo sogno era quello di realizzare a Primiero una specifica scuola del legno. Così sua è stata l’idea - esperienza pioneristica nel panorama provinciale - di organizzare gli stage estivi, così da consentire agli allievi di consolidare la preparazione, ma anche favorire un primo contatto con la realtà del lavoro.

Sempre attento a cogliere e a interpretare i cambiamenti per offrire risposte ai bisogni emergenti, nei primi anni ottanta si prodigò per allestire la prima aula di informatica del Trentino. Una risorsa all’avanguardia per l’attività formativa degli allievi, ma anche uno strumento per soddisfare i nuovi bisogni di formazione degli adulti. Sotto la sua direzione, il CFP di Primiero diventa riferimento nelle scelte strategiche della comunità.

Gianpiero Guadagnini si è impegnato anche nella vita sociale e amministrativa di Primiero. Ha collaborato in modo fattivo nella presidenza Acli di zona in rappresentanza del CFP. Si è distinto per capacità e progettualità anche come assessore comprensoriale alla sanità e alle attività sociali, attivandosi con azioni concrete per migliorare i servizi e il benessere delle persone.

Instancabile lavoratore, grande animatore di progetti e iniziative, Gianpiero lascia a Primiero un ricordo indelebile per la sua disponibilità, ma anche per i legami profondi di amicizia che ha saputo costruire con le persone che ha incontrato, con i colleghi di lavoro e gli allievi, ma anche con tante altre persone della nostra comunità.

Oltre al ricordo e agli stimoli che la sua figura ha lasciato nella gente di Primiero – si legge nel ricordo delle Acli – resta in tutti noi un sentimento di nostalgia e ora di profonda tristezza. Un abbraccio alla moglie Carla, ai figli Roberto, Guido e Daniela.Grazie Gianpiero e buon viaggio!».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy