Salta al contenuto principale

Regole Covid sul lavoro:

costituito il Tavolo tecnico

per la Provincia di Trento

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

È nato il tavolo tecnico-operativo di confronto tra Provincia autonoma di Trento, categorie economiche e parti sociali. L’obiettivo è quello di trovare una soluzione a problematiche puntuali che interessano il mondo del lavoro in questo difficile periodo in cui si sta assistendo ad una ripresa dei contagi da Covid-19.

Oltre agli assessori alla salute e al lavoro - rispettivamente Stefania Segnana e Achille Spinelli – al tavolo convocato nel palazzo di Piazza Dante erano presenti i dirigenti generali Giancarlo Ruscitti e Laura Pedron, il direttore del Dipartimento di prevenzione dell’Apss, Antonio Ferro ed i rappresentanti di associazioni artigiani e albergatori, Confcommercio, Confesercenti, Confindustria, FederCoop e delle tre sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil.

Il tavolo ha il compito di rivedere i piani Covid definiti la scorsa primavera – in occasione della prima ondata del virus – e risolvere le questioni più concrete alla luce della situazione attuale e dei contenuti del nuovo decreto del presidente del Consiglio dei ministri. Il confronto di questa mattina è stato apprezzato da tutti i membri del tavolo, che hanno analizzato aspetti diversi ai quali i rappresentanti di Provincia e Azienda provinciale per i servizi sanitari hanno dato risposta.

Particolarmente importante è il dato fornito dal direttore Ferro, che ha evidenziato come nell’ambito dei circa 700 sopralluoghi compiuti dallo Uopsal (Unità operativa di prevenzione e sicurezza negli ambienti di lavoro) nelle aziende trentine al fine di vigilare la corretta applicazione di Dpcm e ordinanze del presidente della Provincia autonoma di Trento, non siano emerse particolari problematiche. Eventuali contagi rilevati nel contesto lavorativo (in particolare nel comparto carne e nel settore della logistica) erano infatti da ricondurre all’ambito familiare e alla frequentazione dei colleghi nel tempo libero.
Per contenere eventuali nuovi contagi, il modello da adottare è quello sperimentato con la gestione degli stagionali provenienti dall’estero per la raccolta della frutta, con la definizione del cosiddetto “gruppo stanza” e la divisione del personale in gruppi di 4 unità. Una strategia che consente di circoscrivere i casi di positività, senza interrompere l’intera attività aziendale.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy