Salta al contenuto principale

La protesta della Uil sanità

«Il premio va dato a tutti»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

Protesta in piazza, oggi, della Uil Fpl sanità, davanti al palazzo della Regione Trentino Alto Adige (foto Paolo Pedrotti). La ragione di tale protesta - afferma il segretario Giuseppe Varagone - è quella «di non dimenticare tutti quei lavoratori della sanità pubblica e privata del Trentino che in questi mesi di emergenza nazionale hanno sacrificato la propria vita e quella dei loro famigliari per garantire lo stato di salute a tutte le persone che si sono ammalate di Covid».

Il sindacalista ricorda che il «premio» per l’emergenza viene riconosciuto «solo a pochi professionisti, lasciando fuori lavoratori della sanità pubblica e privata che in questi mesi si sono ammalati durante il servizio e professionisti che hanno garantito lo stato di salute al cittadino che ne aveva di bisogno come le traumatologie, cardiologie, oncologie, eccetera».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy