Salta al contenuto principale

Al Brennero ceppo imbrattato

Rubata la bandiera italiana

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

Al Brennero, ieri, è stato imbrattato il cippo di frontiera. Come confermano i carabinieri il lato italiano del cippo è stato imbrattato con vernice nera, tanto da cancellare la scritta «Italia». Il cavo pennone è stato tranciato ed è stata rubata la bandiera italiana.

Il gesto è stato condannato dal presidente del Consiglio regionale del Trentino-Alto Adige, Roberto Paccher : «La nostra terra è un esempio di pacifica convivenza e di dialogo e il nostro essere a cavallo di due mondi è la nostra più grande ricchezza. La manifestazione di ieri ha ribadito il bisogno di unità a nord e a sud delle Alpi ed era un invito al governo di Vienna a rivedere la sua posizione. Chiunque abbia fatto questo gesto, dimostra ignoranza e rafforza ancora di più la posizione di coloro che vorrebbero tenere chiuso il confine. Un gesto stupidamente miope che rischia di vanificare quello che era stato un momento di condivisione importante, danneggiando per primo proprio i sudtirolesi», così Paccher.

Per il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia - L’Alto Adige nel cuore, Alessandro Urzì , che denuncia l’oltraggio al cippo è «il risultato della cerimonia di ieri, con cui i separatisti lanciavano la campagna per la riapertura del confine con l’Austria, ma solo per l’Alto Adige, non per l’Italia intera». «Al sit-in erano presenti un po’ di trentini che non capivano il tedesco e pensavano si trattasse di una manifestazione per i confini aperti e basta. Ecco il risultato. Spiegato il senso autentico della manifestazione di ieri. Basta provocazioni, tolleranza zero», aggiunge Urzì.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy