Salta al contenuto principale

Loppio-Busa, gli operai protestano

«Sottopagati e sicurezza a rischio»

Spinelli visita il cantiere: «Vi siamo vicini»

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 27 secondi

«Salari molto inferiori a quanto stabilisce il contratto, anche 400 euro al mese in meno; troppe ore di lavoro non pagate, cedolini non consegnati...», queste alcune delle accuse alla Sac costruzioni. E non solo: «Dovrebbero essere ottanta i lavoratori all’opera» alla galleria in costruzione da passo San Giovanni a località Maza di Arco, «ma ce ne sono soltanto una trentina», fanno sapere i sindacati riunitisi ieri in presidio davanti ai cancelli della Sac.

Per la Sac (scarl di Torrecuso in provincia di Benevento, in collaborazione con la Martinelli & Benoni srl di Ronzo Chienis) che fa capo a Enzo Rillo, il direttore lavori, Enrico Tedeschi, non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Il responsabile di cantiere, Alberto Perretta, si è limitato a dire: «Sono qui da una settimana. Datemi un mese e poi ne riparliamo».
«C’è un ritardo considerevole sulla tabella di marcia - fa sapere Abdelali Ettahiri della Filca Cisl - lo scorso anno si è realizzato solo il 30% del programma; siamo a un 6% dell’opera intera».

Ma il problema reale è la retribuzione, «i minatori - spiegano i rappresentanti sindacali di Cgil, Cil e Uil - stanno perdendo dai 400 ai 500 euro al giorno: la busta paga non corrisponde a quanto previsto dal contratto di lavoro» e ci sono molte ore lavorate che «non vengono calcolate».
L’altro ieri mattina erano presenti Matteo Salvetti della Feneal Uil, Sandra Ferrari e Roland Caramelle per la Fillea Cgil e Ettahiri per la Filca Cisl: «Non c’è stato nessun passo avanti da ottobre, né dall’ultimo presidio di luglio; c’è stato - fanno sapere i sindacalisti - un licenziamento illegittimo che poi è stato fatto rientrare. Manca il controllo sulle ore di lavoro effettuate.

La Provincia aveva assicurato un timbratore ma non ce n’è traccia. Fanno venire i lavoratori dal sud Italia e li pagano a forfait in maniera onnicomprensiva.

Ma in Trentino c’è una legge sul lavoro e va rispettata. Martedì c’è stato anche un sopralluogo da parte dell’Ispettorato del lavoro; ma è ovvio che è difficile che i lavoratori parlino, per paura di ritorsioni».
Manca manodopera locale, «motivo per il quale vanno a cercare operai nel Meridione per i quali la paga va bene. Noi vogliamo - fanno sapere i rappresentanti sindacali - che i contratti vengano rispettati, che i cedolini delle buste paga, fermi a novembre, siano consegnati puntuali. La Provincia con De Col aveva assicurato che sarebbe stato montato un timbratore ma non è in funzione. È l’unico grande appalto pubblico in Trentino, abbiamo chiesto un incontro a Fugatti e Spinelli».

«Loro devono applicare il contratto - dice Ettahiri - non continuare a procrastinare, ci sentiamo presi in giro». «Non ci interessa il colore politico della giunta provinciale - prosegue Salvetti - l’appalto è stato voluto con la precedente giunta e ora c’è questa, non vogliamo che su questo cantiere si facciano degli spot elettorali».
«I lavoratori - spiega Sandra Ferrari - arrivano da Calabria e Sicilia già contrattualizzati e con contratti al ribasso e magari con differenze salariali addirittura tra calabresi e siciliani. Arrivano qua e fanno ore e ore in più. E non è solo una questione di orari non pagati ma anche di sicurezza perché dopo nove ore di lavoro si perde anche lucidità».
E ieri l’assessore provinciale al lavoro Achille Spinelli ha visitato il cantiere e ha incontrato i sindacati: «La Provincia è vicina e sostiene le istanze dei lavoratori impegnati nella realizzazione della Loppio-Busa. Chi lavora in Trentino deve essere tutelato, così come è previsto dalle regole». Ad accompagnarlo sul posto, era presente il dirigente dell’Unità di missione strategica Grandi opere e ricostruzione, Raffaele De Col. La consegna dell’opera è prevista nel dicembre 2021.

«E’ fondamentale che le operazioni proseguano secondo la tabella di marcia. I tempi sono stretti, ma con una migliore organizzazione e più mezzi, i lavori potreanno subire un’accelerazione – ha evidenziato l’esponente dell’esecutivo provinciale -. Allo stesso tempo, pretendiamo il rispetto dei contratti e delle regole da parte dei titolari del cantiere nei confronti dei lavoratori. Sul nostro territorio non sono ammesse violazioni o allargamenti di maglia rispetto a certi modi di operare: le verifiche sono in corso e qualora accertassimo eventuali situazioni anomale, l’amministrazione assumerà i necessari provvedimenti».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy