Salta al contenuto principale

La telenovela del ponte di Caffaro:

il Trentino chiede un terzo manufatto

(dopo i milioni spesi inutilmente)

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 55 secondi

Il vecchio ponte cade a pezzi e non sopporta più il peso dei mezzi pesanti, quello nuovo (costato fior di milioni) è stato sbagliato nella progettazione e non permette il passaggio dei camion. E alla fine occorrerà costruire un terzo ponte - provvisorio, tipo Bailey - per sbrogliare la matassa fra Storo e Ponte Caffaro. 

Scrive in un comunicato stampa la Provincia: «La posa in opera di un ponte provvisorio, tipo Bailey, da collocare nello spazio tra il ponte storico e il nuovo ponte in via di ultimazione, per limitare i disagi per il tempo necessario ad adeguare il ponte di recente costruzione e consentire il passaggio del traffico anche pesante in direzione di Trento: è l’ipotesi di soluzione a cui sta lavorando il gruppo di lavoro istituito dalla Provincia per trovare una soluzione rapida alle problematiche conseguenti all’introduzione della limitazione di portata sul ponte in località “Ponte Caffaro” lungo la SS 237.

Completata la posa in opera di un ponte provvisorio, questa è l’idea, sarà possibile mettere fuori servizio il ponte storico per la sua ristrutturazione – ricostruzione, secondo uno specifico progetto da condividere con le Sovrintendenze, con l’obiettivo di realizzare una rotatoria funzionale costituita dal ponte storico e dal ponte nuovo, debitamente raccordati. A questo punto sarà possibile rimuovere il ponte Bailey, che rimarrà di proprietà della Provincia anche per interventi straordinari o di protezione civile, ed effettuare gli ultimi lavori di completamento e ripristino.

Il ponte in località Caffaro lungo la SS 237 segna il confine fra la Provincia autonoma di Trento e la Provincia di Brescia. Il ponte, la cui gestione è a cura della Provincia di Brescia, è una struttura reticolare con vincolo storico; presenta peraltro significativi ammaloramenti strutturali che hanno comportato per il gestore l’imposizione di limitazioni al traffico superiore alle 40 tonnellate.

Il comune di Bagolino in questi anni ha costruito un nuovo ponte parallelo all’esistente. Purtroppo la struttura è stata realizzata con geometrie tali da non consentire il transito nei due sensi di marcia soprattutto ai mezzi pesanti. Ed è attualmente chiuso.

Su iniziativa del Dipartimento Infrastrutture e Trasporti, in considerazione dei problemi causati al traffico pesante dalla limitazione introdotta, nel corso degli ultimi mesi sono stati organizzati molteplici contatti tra le amministrazioni interessate e la Provincia autonoma di Trento per concordare interventi risolutivi».


LEGGI ANCHE: BAGOLINO HA GIA' PRONTO IL PROGETTO

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy