Salta al contenuto principale

Continuano i trattamenti sui meli

il Comitato Tutela della Salute

avverte: attenti alla raccolta

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 49 secondi

In piena raccolta delle mele, in Val di Non continuano i trattamenti con fitofarmaci nei campi (oviamente non in quelli interessati alla raccolta). E’ l’allarme lanciato dal Comitato per il Diritto alla Salute in Val di Non (CDS) nel suo ultimo bollettino.

«Anche quest’anno nelle aree frutticole intensive della mela trentina coltivate con il metodo della lotta integrata continuano i trattamenti con pesticidi. Conseguentemente si riduce la libera fruibilità del territorio. Il CDS offre il servizio di informare sulle sostanze attive e sui pesticidi che probabilmente utilizzeranno gli agricoltori in questo periodo. In tal modo si potrà valutare se, come e quando utilizzare l’ambiente esterno, in modo meno rischioso».

Le molecole probabilmente usate sono riportate nella tabella seguente.

Il CDS avverte: «Si raccomanda attenzione in quanto il pesticida per deriva può arrivare anche nei campi dove si sta effettuando la raccolta».

Il Comitato ricorda poi: «Per una minima garanzia della salute pubblica è importante che vengano rispettati i blandi regolamenti comunali. per informazioni sul loro rispetto lo scrivente comitato è a vostra disposizione per chi volesse possiamo inviare i moduli e le istruzioni per eventuali segnalazioni presso gli enti preposti al controllo (sindaco, vigili urbani, carabinieri, forestale) che si consiglia di attivare viste le deboli misure di tutela e di controllo».

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy