Salta al contenuto principale

Covid, focolaio in ospedale a Cles

Dodici positivi tra infermieri e oss

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 45 secondi

Sono giornate difficili all'ospedale di Cles. Lo scorso fine settimana sono emersi un paio casi e il risultato dei tamponi ha confermato quello che si temeva: un focolaio in corsia.

Dodici operatori, tra infermieri e oss, sono poi risultati positivi, così come alcuni pazienti. Ad accendere la miccia, a quanto ricostruito, proprio due pazienti, piuttosto restii a indossare costantemente la mascherina.

«Noi ci proteggiamo costantemente con la mascherina chirurgica, quella altruista, nel senso che difende sia chi la indossa sia chi non la usa. Tuttavia, purtroppo, a volte i pazienti non la mettono, o perché anziani e con qualche problema o perché, diciamo, un po' "discoli".

Pare che la trasmissione al personale sia avvenuta proprio perché ci si è avvicinati molto ai pazienti per aiutarli a indossarla», spiega Armando Borghesi , direttore della parte medica dell'ospedale Valli del Noce.

Ora si lavora per circoscrivere il focolaio e tornare al più presto alla normalità.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy