Salta al contenuto principale

Piazza Dante, caccia

ai pusher: la Mobile ferma

tre nigeriani, denunciati

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

Agenti della Squadra Mobile della Questura di Trento, nei pressi della stazione di Trento, hanno denunciato tre cittadini nigeriani, rispettivamente di 24, 25 e 27 anni, perche colti in flagranza a spacciare eroina ad acquirenti italiani e stranieri.

Gli investigatori della Squadra Mobile, mimetizzati tra i numerosi passanti nei giardini di piazza Dante, hanno dapprima osservato uno scambio di denaro e poi la cessione di droga, tra un pusher nigeriano ventiquattrenne ed un acquirente italiano, un quarantenne di origine siciliana da anni residente a Trento. Entrambi sono stati fermati. Sono stati sequestrati una dose di eroina e circa 90 euro, in banconote di piccolo taglio.

Pochi minuti dopo la scena si e ripetuta nelle immediate vicinanze del Palazzo della Provincia Autonoma di Trento.

Questa volta l’acquirente era un cittadino ucraino di 32 anni; mentre il pusher e risultato anch’esso un cittadino nigeriano, di circa 25 anni, residente a Verona. Il pusher seguito dagli agenti ha tentato di disfarsi della droga ingoiandola. Ma gli agenti della Squadra Mobile sana stati più veloci, impedendogli di inghiottire una dose di eroina. All’uomo è stata anche sequestrata la somma di circa 150 euro, in banconote di piccolo taglio, frutto di precedenti compravendite.

Nel pomeriggio gli agenti hanno osservato un pusher nigeriano parlare con un cittadino italiano di 46 anni. Lo spacciatore, accortosi di essere osservato dagli agenti in borghese della Questura di Trento, si è diretto a passo svelto verso un vicolo. Gli agenti lo hanno inseguito per le vie del centro storico, dando luogo ad una vera e propria caccia all’uomo. Lo spacciatore, infine, è stato bloccato. Al nigeriano sono state sequestrate tre dosi di eroina nonche circa 250 euro.

I tre nigeriani sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Trento e nei loro confronti sono stati emessi provvedimenti di espulsione dal territorio italiano.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy