Salta al contenuto principale

Comitiva bloccata in Val Canali

salvata dal Soccorso Alpino

con l'arrivo dell'elicottero

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 31 secondi

Si è concluso verso le 14 un intervento delicato in soccorso ad una donna con un problema alla caviglia e ad altri escursionisti in difficoltà a causa del maltempo, sul sentiero 709 che dal rifugio Pradidali conduce a valle lungo la Val Canali (Primiero). La donna, del 1948 della provincia di Vicenza, stava scendendo lungo il sentiero per fare ritorno a valle insieme a un gruppo di altri nove escursionisti con il quale aveva trascorso la notte al rifugio, quando è caduta facendosi male alla caviglia a una quota di circa 1.800 m.s.l.m. La pioggia in corso, infatti, aveva scaricato una grande quantità di acqua e sul sentiero si era formato un ruscello che aveva reso molto scivoloso il terreno, mettendo in difficoltà l'intero gruppo e altre due coppie di escursionisti che stavano sopraggiungendo. La chiamata al Numero Unico per le Emergenze 112 è arrivata verso le 10.15.

Il coordinatore dell'Area operativa Trentino orientale del Soccorso Alpino e Speleologico, considerate le pessime condizioni meteorologiche che non consentivano il recupero con l'elicottero a causa della nebbia, del vento e della pioggia, ha inviato sul posto una squadra di nove operatori della Stazione Primiero. In circa un'ora e mezza i soccorritori hanno raggiunto il gruppo a piedi e hanno provveduto a stabilizzare l'infortunata.

Fortunatamente, una finestra di beltempo ha permesso all'elicottero di decollare da Trento verso le 12. Una volta sul posto, il Tecnico di Elisoccorso ha verricellato a bordo dell'elicottero l'infortunata, che è stata elitrasportata a valle alla Baita La Ritonda, dove la aspettava un'ambulanza per il trasferimento in ospedale. Gli operatori della Stazione Primiero, invece, sono rimasti con i compagni di escursione della donna e con altri quattro escursionisti presenti sul sentiero per accompagnarli a valle in sicurezza. Per aggirare il ruscello che si era formato sul sentiero, alcuni degli escursionisti sono sono stati calati con le corde per un breve tratto.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy