Salta al contenuto principale

Il settore lattiero-caseario

allarmato per gli effetti

della crisi economica da covid

Chiudi

Il mercato del latte è in ripresa

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

Quantità e prezzi stabili e un numero poco regressivo di fornitori: l’anno lattiero 2019 è stato un anno nella norma per la Federazione Latterie Alto Adige. Ciò nonostante non è questo il motivo per cui l’assemblea generale della Federazione è stata dedicata più al futuro che non al passato.

«La crisi del corona mette alla prova il nostro sistema, dobbiamo affrontare delle sfide completamente nuove - per tutti i soggetti coinvolti», dice il presidente Joachim Reinalter. Lui spera soprattutto in una cosa: la lealtà della clientela locale.

Anche nel 2019 i dati del settore lattiero-caseario altoatesino sono impressionanti. Con 399,1 milioni chilogrammi di latte di vacca, è stato consegnato alle latterie solo l’1,7% in meno rispetto al 2018, contando anche i 1,54 milioni di chilogrammi di latte di capra persino il 5,4% in più.

Queste quantità provengono da 4509 fornitori di latte attivi, 182 in meno all’anno precedente.

Un dato interessante per gli allevatori: il prezzo del latte con 51,20 centesimi/kg è leggermente più alto in confronto all’anno precedente. L’anno lattiero-caseario è quindi stato molto soddisfacente.

La crisi del corona, la quale ha colpito gravemente il settore lattiero-caseario, ha impedito un ulteriore sviluppo. «A causa del lockdown in tutta l’Europa i nostri mercati sono crollati», spiega Joachim Reinalter, «tutti tranne quelli nel territorio nazionale». Anche sul mercato altoatesino e italiano mancano però i grandi acquirenti della gastronomia e industria alberghiera, con gravi conseguenze per la vendita del latte fresco e del formaggio da taglio. Inoltre, la vendita di formaggi nel settore alimentare al dettaglio ha subito grandi perdite.

«Il nostro formaggio è da banco ed è stato evitato», spiega il presidente. La stagione turistica insolita e il calo quasi totale delle esportazioni ha causato un eccesso di offerta.

«I magazzini di formaggi nei caseifici sono pieni e il latte deve essere trasformato in prodotti con una resa minore», afferma Reinalter. «Questo è anche il motivo per cui speriamo che i consumi aumentino presto.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy