Salta al contenuto principale

Un «Piano Covid» per riaprire

il Centro diurno di via Marconi

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 30 secondi

Un «Piano Covid» per riaprire in sicurezza il Centro diurno di via Marconi, rispettando linee guida e protocolli nazionali e provinciali.

L'Apsp «Santo Spirito - Fondazione Montel», guidata dal presidente Diego Pintarelli e dal direttore Giovanni Bertoldi, ha definito tempi, modalità e controlli per riaprire l'importante struttura dedicata all'accoglienza degli anziani autosufficienti o parzialmente autosufficienti, garantendo un importante «sostegno» a famiglie e parenti alle prese con difficoltà ed esigenze della terza e quarta età.

Il Centro diurno è stato riattivato nei giorni scorsi nell'area dedicata della struttura protetta di via Marconi, con percorsi e accessi differenziati e separati rispetto a quelli dell'attigua Rsa, e può accogliere due gruppi (di massimo 6-8 persone), mantenuti stabili nel tempo, con il primo gruppo che frequenta il centro a tempo pieno (dalle 8.30 alle 17.30) dal lunedì al mercoledì, e il secondo gruppo che accede alla struttura con lo stesso orario dal giovedì al venerdì.

«La nostra azienda ha voluto rispondere alle tante esigenze delle famiglie perginesi, avviando in piena sicurezza e seppur in modo parziale, il Centro diurno (restano sospesi i servizi aggiuntivi di parrucchiera, podologa, fisioterapia e bagno-doccia) nel pieno rispetto delle indicazioni di azienda sanitaria e task-force provinciale - spiega il dottor Diego Pintarelli -. Abbiamo così stilato un Piano Covid e il relativo vademecum con le principali norme di comportamento di utenti e caregiver (famigliari) per accedere e usufruire in sicurezza al servizio rispettando tutte le normative contro Covid 19 e tenendo conto delle caratteristiche della struttura, del tipo di utenti e di risorse umane e dispositivi disponibili e necessari per prevenzione e controllo del virus».

Se utenti ammessi, giornate e orari di frequenza (non modificabili) sono indicati dall'unità di valutazione medica (Uvm), non tutte le richieste potranno essere soddisfatte: «Ci rendiamo conto che solo un terzo delle domande inoltrate alla nostra Apsp potranno essere soddisfatte, ma era importante riattivare e tornare a garantire alle famiglie un servizio di sostegno e sollievo alle loro necessità di cura e tutela dell'anziano - spiega ancora Diego Pintarelli - chiediamo a famigliari e accompagnatori di rispettare i limiti e le indicazioni su accesso al centro, compilando ogni giorno la scheda pre-triage, e dando informazione puntuale sulle assenze (tel. 0461-531002, interno 250 o amministrazione@apsp-pergine.it).

Gli utenti nella loro permanenza al centro diurno indosseranno la mascherina chirurgica se tollerata, e saranno sottoposti a tampone ogni 15 giorni, secondo il piano di screening».
Il vademecum fissa anche modalità d'accesso al centro, le misure igienico-sanitarie richieste ed i comportamenti da adottare in presenza di casi sospetti o sintomatici.
«Per ora non riaprirà il Centro servizi di via Pive (ambulatorio odontoiatrico e per la prevenzione "Occhio alla salute"), infatti al piano terra della Rsa verrà ora collocato il nuovo spazio per i colloqui in sicurezza con i famigliari» conclude il presidente Pintarelli.
Dal 1° novembre, infine, nell'area nuova e separata delle Rsa (palazzina ex uffici, nella foto ) verrà creata invece la nuova "zona transito" dove i nuovi ospiti ammessi in struttura dovranno osservare un periodo di quarantena (15 giorni) prima di entrare nelle stanze a loro assegnate.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy