Salta al contenuto principale

La ristampa: "I cento giorni" 

oggi in edicola con l'Adige

il libro sul Covid in Trentino

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 6 secondi

Di nuovo in edicola. Il libro «I cento giorni che hanno sconvolto il mondo» torna a disposizione dei lettori. Dopo il successo delle prime copie il volume è stato ristampato: appuntamento da oggi, venerdì 12 giugno, per il testo - realizzato dalla redazione dell’Adige - che ha raccolto le notizie più importanti dell’emergenza mondiale causata dalla diffusione del coronavirus.

Il ringraziamento ai lettori per il successo della prima edizione è d’obbligo: fa piacere che il desiderio dei giornalisti di “fermare la cronaca” sia stato apprezzato. E il grazie va esteso anche a chi in questi giorni, con pazienza, ha prenotato la propria copia dall’edicolante di fiducia: la speranza è che tutti vengano accontentati, anche se il consiglio è di prenotare anche oggi il libro.
L’idea che sta alla base de «I cento giorni che hanno sconvolto il mondo» è appunto quella di dare il nostro contributo per rendere più consapevole e duratura la memoria delle settimane più pesanti, quelle nelle quali il terribile coronavirus arrivato dall’Oriente sembrava impossibile da battere.

Oggi la situazione è ben diversa. I numeri dicono che l’emergenza è finita, grazie al lavoro degli operatori della sanità - che hanno dato prova di grandezza umana e professionale - e al sacrificio di tutti noi, che abbiamo rinunciato al lavoro e a una parte della nostra libertà per impedire che il Covid-19 continuasse a diffondersi.
Ma se da un lato il superamento dell’emergenza è una bellissima notizia - che abbiamo atteso a lungo - dall’altro proprio questa nuova normalità rischia di farci dimenticare in fretta tutto quanto abbiamo passato. E coloro che hanno battagliato in prima linea contro il virus e le tante persone che hanno pagato con la vita non meritano che il Trentino e l’Italia dimentichino un periodo storico che ci segnerà per sempre.

Oltre al dovere della memoria, il libro «I cento giorni che hanno sconvolto il mondo» fa anche un esercizio di condivisione: i fortunati lettori che hanno potuto sfogliare le pagine della prima edizione si saranno accorti di quanto il libro sia ricco di nomi, storie e personaggi. Decine e decine di persone - dalla sanità alla cultura, dalla politica al volontariato, dall’università allo sport - hanno dato il loro contributo in termini di impegno, e abbiamo cercato di coinvolgere più protagonisti possibile. Del resto, se abbiamo superato l’emergenza è perché c’è stato un lavoro collettivo: e sono tantissime le persone citate nel libro. Un grande lavoro collettivo è stato fatto dalla nostra redazione, che ha raccontato con entusiasmo e serietà la tragedia che abbiamo dovuto affrontare. La varietà delle firme dei giornalisti, dei collaboratori e degli opinionisti: anche questa ricchezza è tutta nelle 608 pagine da domani in edicola. I «cento giorni che hanno sconvolto il mondo. Cronache e storie ai tempi del Covid-19» viene venduto a 7,5 euro più il prezzo del quotidiano.

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy