Salta al contenuto principale

La sanificazione anti-Covid?

Ci pensa il robot autonomo

progettato da UniTN

Chiudi
Apri

UniTN

Tempo di lettura: 
1 minuto 12 secondi

Un robot sanificatore, capace di muoversi in modo autonomo, di evitare gli ostacoli, di monitorare la presenza di persone e di fare interventi mirati sulle superfici più manipolate (come le maniglie). È il prototipo sviluppato da un gruppo di ricerca dell'Università di Trento e da una start-up di ex-studenti. Dopo un test preliminare nei corridoi del Polo Ferrari a Povo - informa l'Università di Trento in una nota - ora sono in corso attività di affinamento e messa a punto che ne permetteranno una sperimentazione completa e realistica nelle ore notturne di chiusura.

Il robot si chiama Drp-H1 (che sta per Dolomiti robotics platform health line 1) e durante la fase di perlustrazione, che avviene nelle ore diurne, naviga autonomamente registrando la presenza di esseri umani e misurando la loro distanza media.

Nella fase di disinfezione il robot nebulizza disinfettante negli ambienti aperti e si sofferma su maniglie e superfici particolarmente esposte al contatto con le mani.

La macchina - sviluppata in collaborazione con Dolomiti Robotics, una start-up fondata da un gruppo di ex-studenti di UniTrento con il patrocinio dell'ateneo - è dotata di moduli di localizzazione e mapping, di navigazione in ambiente con esseri umani e di controllo della traiettoria. L'obiettivo è una disinfezione selettiva di vasti ambienti pubblici come gli spazi comuni dei dipartimenti universitari. Al termine della sperimentazione in corso sarà possibile capirne meglio le possibili applicazioni e fare delle stime su tempi e costi per una sua disponibilità sul mercato

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy